Mondo, 26 marzo 2019

Il Regno Unito non concede asilo a un cristiano iraniano, "non è una religione di pace"

Niente diritto d’asilo perché cristiano. È accaduto in Gran Bretagna, dove un cittadino iraniano convertitosi al cristianesimo, in quanto risponderebbe alle sue "vocazioni di pace", ha richiesto a Londra il riconoscimento del diritto d’asilo, in quanto teme che una scelta del genere possa comportare pericoli per la propria incolumità. Ma dal Foreign Office si vede rispondere che nel Regno Unito questo non può comportare il riconoscimento del diritto. 

Come ha denunciato lo stesso protagonista della vicenda, il ministero degli Esteri della Gran Bretagna ritiene impossibile dare asilo in questo caso. La motivazione sta nel fatto che il cristianesimo non sarebbe una religione di pace, bensì un credo che incita alla violenza. Nel giustificare questa decisione, i funzionari del ministero elencano alcuni passi della Bibbia e del Vangelo. In particolare il riferimento è al capitolo 26 del Levitico, nel Vecchio testamento: “Voi inseguirete i vostri nemici, ed essi cadranno dinanzi a voi per la spada. Cinque di voi ne inseguiranno cento, cento di voi ne inseguiranno diecimila, e i vostri nemici cadranno dinanzi a voi per la spada”.

Questo passo, secondo il ministero degli esteri britannico, farebbe del cristianesimo una religione senza vocazione alla pace. Non è la prima volta che Londra finisce nel mirino delle critiche per come tratta i cristiani perseguitati. La decisione del ministero degli Esteri britannico segue di qualche mese quella relativa a Asia Bibi, la cristiana condannata a morte in Pakistan in quanto accusata di blasfemia. Assolta dall’accusa, la donna è però in pericolo nel suo paese eppure nonostante tante pressioni, dal Regno Unito non riceverà alcun asilo politico.  

Guarda anche 

"The Game": Il gioco dei migranti pronti a entrare in Italia

Vucjak – Uno dei giovani nepalesi indossa una maglietta bianca con una grande scritta: “World tour”, giro del mondo. Il gruppetto avanza nella bosc...
15.07.2019
Mondo

Richiedente l'asilo minorenne colpisce la sua insegnante rompendogli la mascella, dopo due giorni di carcere di nuovo libero

Un richiedente l'asilo siriano di 14 anni, residente nel comune argoviese di Möriken-Wildegg, ha aggredito la sua insegnante perchè questo voleva controll...
15.07.2019
Svizzera

Rifugiato siriano si lamenta di non poter andare in vacanza in Siria, "la Germania è stressante, bisogna fare una pausa ogni tanto"

Un rifugiato siriano residente in Germania si è lamentato sui social media di non poter andare in vacanza in Siria perché aveva "qualcosa di importante...
11.07.2019
Mondo

LETTERA DEI LETTORI - "Cosa succede al parco giochi dell'asilo di Molino Nuovo?"

Sono sotto gli occhi di tutti gli abitanti del quartiere Molino Nuovo, a Lugano, i lavori di ricostruzione dell’asilo comunale di Via Ferri: ottimo. Servizi alle fa...
08.07.2019
Ticino