Svizzera, 25 marzo 2019

Aveva investito un giovane uccidendolo sul colpo, rischia 6,5 anni di carcere

Il processo di un automobilista accusato di aver fatalmente investito un pedone su un passaggio pedonale nel 2016 a Emibois, nel canton Giura, si è aperto lunedì a Porrentruy. Il pubblico ministero ha richiesto 6,5 anni di carcere per omicidio colposo.

L'automobilista, oggi 23enne, aveva investito un giovane di 21 anni in una notte di novembre 2016, scaraventando il suo corpo a 49 metri di distanza. L'automobilista aveva mancato di pochissimo la ragazza della vittima. È il giovane che, prima di essere colpito, l'ha spinta per proteggerla dall'impatto, impatto a cui lui non era riuscito a sottrarsi, rimanendo ucciso praticamente sul colpo.

Dopo aver falciato il giovane, a suo dire senza essersene accorto, l'automobilista si è poi schiantato contro due cartelli stradali, uno dei quali è rimasto incastrato sotto la griglia del veicolo. A quel punto l'uomo si ferma e guarda la scena dell'incidente prima di procedere a casa dei suoi genitori, riferisce il Ministero pubblico citato da “LeMatin”.

"Mi colpisce enormemente", ha detto l'imputato in lacrime durante il processo. "Sono davvero dispiaciuto per il danno causato", ha aggiunto. Questo abitante di Noirmont, sempre nel canton Giura, sostiene di non essere in grado di spiegare perché non ha notato i due giovani sul passaggio pedonale. "Non so cosa dirle", ripeté l'accusato singhiozzando davanti al giudice del Tribunale di primo grado.

Al momento dell'impatto, il veicolo viaggiavatra 80 e 94 km / h in base ai risultati dell'inchiesta, mentre la velocità consentita su questo tratto è limitata a 60 km / h. L'automobilista 23enne era anche sotto l'influenza dell'alcool, secondo l'accusa.

Ma il giovane non è l'unico sul banco degli imputati. Un'inchiesta è stata aperta contro un secondo automobilista, guidato da un conoscente del 23enne e che avrebbe passato la serata nello stesso locale. Negli attimi precedenti l'incidente le due macchine si sono superate più volte guidando ad una velocità superiore a quella consentita. "C'era uno spirito di competizione fra i due automobilisti", ha detto il procuratore Frédérique Comte, evocando una gara tra due uomini che volevano dimostrare chi fosse il più bravo al volante.

Con il suo comportamento, il secondo imputato ha contribuito ad aumentare il rischio di causare un incidente, ha sostenuto il rappresentante del pubblico ministero che ha chiesto una condanna a 4 anni di carcere per omicidio colposo. Durante l'interrogatorio, l'uomo ha contestato tutte le accuse.

Guarda anche 

In Svizzera ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri

Il divario tra le remunerazioni più basse e quelle più alte si è ulteriormente ampliato nel 2018. Mentre da una parte aumenta la pressione sui salari...
24.06.2019
Svizzera

"Gli svizzeri come i romani"

Sto leggendo un libro sulla caduta dell'Impero Romano, questione su cui ci sono molte teorie. Edward Gibbon attribuisce classicamente questo collasso a un declino mor...
24.06.2019
Svizzera

Trovano un uomo gravemente ferito in un'auto parcheggiata

Venerdì 21 giugno 2019 verso le 19, la polizia giurassiana ha effettuato il controllo di un'automobile immatricolata in Germania occupata da due uomini, parche...
24.06.2019
Svizzera

"Sapevamo di essere ricercati, per questo siamo andati in Svizzera"

Due ladri seriali francesi sono stati condannati giovedì al tribunale di Lons-le-Saunier, città del Giura francese, dopo una latitanza a cavallo del confine...
23.06.2019
Svizzera