Mondo, 25 marzo 2019

La Basilica di Santa Sofia a Istanbul potrebbe presto essere trasformata in una moschea

L'iconica Basilica di Santa Sofia di Istanbul, originariamente una chiesa cristiana bizantina, potrebbe essere nuovamente trasformata in una moschea - cancellando l'eredità del governo laico turco che nel 1935 trasformò il sito in un museo.

"Questo non è improbabile", ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan durante un'intervista in diretta con la televisione turca, aggiungendo: "Potremmo persino cambiare il suo nome in Moschea Ayasofya".

La Hagia Sophia divenne un museo sotto il governo secolarista turco nel 1935, ma "possiamo anche fare un passo indietro e cambiare", ha affermato Erdogan.

Erdogan ha accennato al fatto che il cambio di status sarebbe vantaggioso per i turisti. "I turisti vanno e vengono alla Moschea Blu. Pagano qualcosa? ", Ha chiesto, riferendosi a un altro sito popolare a Istanbul. "Bene, faremo lo stesso con la Hagia Sofia."

La Basilica di Santa Sofia fu inizialmente costruita come chiesa dall'Impero bizantino nel VI secolo e servì come principale chiesa della comunità cristiana ortodossa. Dopo la conquista di Costantinopoli da parte degli ottomani nel 1453 oltre a cambiare il nome della città nell'attuale Istanbul, la chiesa fu immediatamente trasformata in una moschea islamica e ai suoi angoli furono posti i quattro minareti che si possono vedere ancora oggi.

Per diverso tempo è stata la cattedrale più grande del mondo, superata solo nel XVI secolo dalla cattedrale di Siviglia in Spagna, e successivamente dalla Basilica di San Pietro in Vaticano.
L'idea di trasformare la Hagia Sophia in una moschea è in circolazione da diversi anni. Alcuni politici di alto rango e religiosi musulmani hanno suggerito che il luogo fosse aperto ai fedeli, scatenando feroci proteste in Grecia, rivale storico della Turchia e che ritiene la Basilica, e in parte la città stessa fondata nell'antichità da coloni greci, patrimonio storico e culturale del paese.

Nel 2015, migliaia di musulmani hanno eseguito una preghiera mattutina di fronte alla Basilica di Santa Sofia per celebrare il 562esimo anniversario della conquista ottomana di Costantinopoli, a testimonianza che anche per la comunità islamica il sito riveste un particolare significato storico.

Guarda anche 

“Vade retro Islam!”, l'intervista di Giorgio Ghiringhelli a un esperto di Islam

Il fondatore del movimento "Il Guastafeste" Giorgio Ghiringhelli ha pubblicato, sul sito del movimento, un'intervista da lui condotta all'esperto di isl...
11.07.2019
Ticino

La Francia condannata a risarcire uno degli attentatori della strage di Parigi

Il governo francese è stato condannato a pagare una multa di 500 euro a Salah Abdeslam (nella foto), unico membro rimasto in vita del commando islamico che il...
09.07.2019
Mondo

Algeria, cristiano condannato per "esercizio di culto non musulmano"

Un giovane cristiano di Akbou, città del nord dell'Algeria, è stato condannato giovedì scorso dalla corte a una multa di 50'000 dinari (circa...
24.06.2019
Mondo

Addio Lugano, niente Levante: Sadiku pronto per la Turchia

VALENCIA (Spagna) – “Torno al Levante, ho un contratto di un anno più un altro di opzione”. Con queste parole settimana scorsa Armando Sadiku ave...
18.06.2019
Sport