Opinioni, 13 marzo 2019

Antonio Caggiano “Il mio stile non è questo”

In queste ore ho ricevuto accuse completamente infondate alle quali intendo ribattere prontamente e con decisione. Alcune segnalazioni anonime mi imputano la colpa di aver imbrattato vetrate, fermate dei bus e gran parte della città di Lugano con adesivi relativi alla mia campagna politica.
È assolutamente falso.
 
Non ne so nulla e non ho mai dato il permesso a nessuno di attuare una strategia di questo genere. È un approccio estremamente lontano dal mio modo di intendere la politica e la comunicazione.
Chi sta seguendo la mia campagna elettorale sa bene cosa intendo dire. Ho attuato una linea ben precisa, cercando di esprimere la mia opinione e diffondere i miei messaggi sempre e soltanto attraverso canali ufficiali. Ho utilizzato il mio sito, la mia pagina FB, la cartellonistica, le riviste, le conferenze e gli incontri organizzati da varie associazioni, i video, e tutti gli strumenti che ho ritenuto idonei per raggiungere i cittadini.
 
Anche per quel che riguarda l’ideazione dell’immagine, dello slogan e dei vari testi attraverso i quali ho sviluppato la mia campagna, ho cercato di trasmettere il mio stile e i valori che da sempre contraddistinguono ogni mio progetto, nel lavoro, nello sport e nella politica: serietà, rispetto, professionalità.
 
Qualcuno potrebbe chiedersi “Ma allora chi è stato?”. Un grande saggio del passato diceva che per individuare un responsabile basta domandarsi chi trae beneficio da una determinata situazione. Io no di certo, lo dimostra il fatto che mi trovo costretto a giustificare qualcosa di cui non sono responsabile.
E allora, chi trae giovamento gettando fumo sulla mia campagna elettorale?
A pensar male si fa peccato, ma a volte ci si indovina. Ognuno tragga le proprie conclusioni.

Antonio Caggiano, Lega dei Ticinesi - Candidato al Gran Consiglio
 
 
 

Guarda anche 

Mattia Melera - Docenti tendenziosi, non è forse ora di agire?

Ha destato scalpore negli scorsi giorni il caso di una verifica di geografia dall’impostazione a dir poco faziosa, proposta in una scuola media del Sottoceneri. In ...
29.05.2019
Opinioni

Mattia Melera - Nuova legge UE sulle armi, no grazie

La modifica della legge sulle armi proposta da Bruxelles (e voluta da Berna) sarà oggetto di votazione il prossimo 19 ...
01.05.2019
Opinioni

“Se si chiede scusa, bisogna avere il diritto di porre rimedio”

Non si placano le polemiche per l’episodio avvenuto qualche giorno fa durante la trasmissione tv “Politicamente scorretto”. La scelta di far indicare...
16.05.2019
Opinioni

Semafori SI – semafori No: ecco il dilemma. Appello alla popolazione ticinese per un sì di solidarietà.

*Di Giorgio Pellanda Come primo firmatario della mozione a favore del credito governativo che ha raccolto l’adesione della maggioranza qualificata del Gran Consi...
15.05.2019
Opinioni