Svizzera, 13 marzo 2019

Consigliera comunale porta il velo islamico, non può partecipare alle sedute

La consigliera comunale del comune di Meyrin, nel canton Ginevra, Sabine Tiguemounine (nella foto) ha presenziato ai dibattiti del Consiglio comunale di martedì sedendo nell'area riservata al pubblico, e non con gli altri rappresentanti eletti. In causa, il suo velo islamico che le impedisce di sedere fra i banchi del consiglio comunale. Lo riporta la RTS.

Infatti, l'entrata in vigore il 9 marzo della legge sulla laicità, accettata in votazione popolare nel canton Ginevra un mese fa, ora le proibisce di "mostrare la sua appartenenza religiosa attraverso segni
esterni" durante le sedute.

Lo stesso vale per i rappresentanti eletti di tutti i Consigli comunali e per i deputati del Gran Consiglio. Questo punto è stato contestato con un ricorso, ma l'effetto sospensivo non era stato concesso.

Sabato, il gruppo dei Verdi di Meyrin, in presenza della diretta interessata, aveva deciso che sarebbe stato saggio che Sabine Tiguemounine non partecipasse alla seduta martedì sera, per evitare controversie inutili. E lunedì, il municipio di Meyrinoise aveva fatto la stessa proposta al partito.

Guarda anche 

Costrette a togliere il velo dopo l’arresto, musulmane risarcite

La città di New York ha accettato di pagare 17,5 milioni di dollari per risolvere una causa intentata da due donne musulmane che sostenevano che la polizia aveva v...
09.04.2024
Mondo

Premiati i tre vincitori dello “Swiss Stop Islamization Award 2024”

Anche nel 2024, per il settimo anno consecutivo, il movimento politico “Il Guastafeste” ha organizzato lo “Swiss Stop Islamization Award”, ossia i...
17.03.2024
Svizzera

Riflessioni in merito all’accoltellamento di un ebreo a Zurigo da parte di un musulmano

Lo scorso 15 gennaio avevo inviato alla stampa un comunicato intitolato “Più islamizzazione = più antisemitismo” concernente la nuova edizi...
06.03.2024
Opinioni

Poliziotti francesi multano un ginevrino in Svizzera a causa di un errore di Google Maps

Di fronte alla dogana di Monniaz (Jussy), una siepe condivide la strada omonima. Da un lato c’è la Svizzera, dall'altro la Francia. Giovedì scorso...
29.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto