Svizzera, 13 marzo 2019

Consigliera comunale porta il velo islamico, non può partecipare alle sedute

La consigliera comunale del comune di Meyrin, nel canton Ginevra, Sabine Tiguemounine (nella foto) ha presenziato ai dibattiti del Consiglio comunale di martedì sedendo nell'area riservata al pubblico, e non con gli altri rappresentanti eletti. In causa, il suo velo islamico che le impedisce di sedere fra i banchi del consiglio comunale. Lo riporta la RTS.

Infatti, l'entrata in vigore il 9 marzo della legge sulla laicità, accettata in votazione popolare nel canton Ginevra un mese fa, ora le proibisce di "mostrare la sua appartenenza religiosa attraverso segni esterni" durante le sedute.

Lo stesso vale per i rappresentanti eletti di tutti i Consigli comunali e per i deputati del Gran Consiglio. Questo punto è stato contestato con un ricorso, ma l'effetto sospensivo non era stato concesso.

Sabato, il gruppo dei Verdi di Meyrin, in presenza della diretta interessata, aveva deciso che sarebbe stato saggio che Sabine Tiguemounine non partecipasse alla seduta martedì sera, per evitare controversie inutili. E lunedì, il municipio di Meyrinoise aveva fatto la stessa proposta al partito.

Guarda anche 

"Il burqa è lo stendardo dell'islam politico e per questo va vietato"

In un comunicato trasmesso ai media, Giorgio Ghiringhelli esprime "soddisfazione" per il fatto che il Ticino ha fatto scuola per quel che riguarda il divieto di...
15.01.2021
Svizzera

Lugano bastonato e con le ossa “rotte”

LUGANO – Dopo le brillanti vittorie con cui aveva aperto l’anno, a Davos e in casa col Langnau, il Lugano era atteso a una vera e propria prova di forza negli...
10.01.2021
Sport

Ginevra, migrante accoltella a morte il fidanzato della ex

Un omicidio è avvenuto attorno alle 18 di ieri, sabato 2 gennaio, a Vernier, nel canton Ginevra. A perdere la vita - comunica il Ministero pubblico ginevrino - &eg...
03.01.2021
Svizzera

Condannato a cinque mesi di carcere per aver scritto messaggi razzisti sul web

Un cittadino svizzero residente nel canton Ginevra è stato condannato per pubblica istigazione all'odio e alla discriminazione per aver scritto frasi a caratte...
23.12.2020
Svizzera