Mondo, 12 marzo 2019

Sesso con allievo, il figlio è del ragazzino. Il dna 'smentisce' la prof

Secondo quanto riportato dai principali media italiani, il caso di Prato sembra avviarsi verso la risoluzione.

Stando ai risultati del dna, il padre del bimbo avuto dall'infermiera-professoressa accusata di violenza sessuale su minore sarebbe proprio l'adolescente e non il marito della donna.

I risultati del test sono arrivati ieri sera, quando gli inquirenti hanno avuto modo di confrontare i dna del figlioletto di cinque mesi e del ragazzino. Nelle indagini coordinate dai pm l'attribuire la paternità del bimbo è uno degli elementi necessari per definire
i rapporti tra la donna e il minore che dalla primavera 2017 la frequentava per prendere ripetizioni di inglese.

La donna è stata ascoltata dai sostituti procuratori Lorenzo Gestri e Lorenzo Boscagli alla presenza della procuratore Giuseppe Nicolosi e di Gianluca Aurilia, dirigente della squadra mobile.

Il marito della donna, che l' ha accompagnata, è stato portato in un' altra stanza. Indiscrezioni parlano di un atto liberatorio, durato quasi tre ore, nel quale l' operatrice sanitaria dopo aver appreso delle analisi del dna non ha avuto alcun momento di sconforto.

Guarda anche 

Migliaia di giovani in piazza contro la censura di Internet imposta dall'UE

Da diverse settimane molte città europee, in particolare in Germania, sono teatro di manifestazioni di giovani (e meno giovani) contrari alla legge sul copyright a...
23.03.2019
Mondo

Si dicono favorevoli ad accogliere un migrante, ma quando gliene viene messo uno davanti si rifiutano

Curioso e simpatico esperimento quello ideato dall'emittente svedese Samnytt TV. In un reportage intitolato "Le persone vogliono davvero ospitare immigrati a cas...
23.03.2019
Mondo

"Ho agito perché sentivo le voci dei bambini morti in mare"

Ousseynou Sy, l'autista che ha dirottato lo scuolabus con a bordo 51 ragazzini, potrebbe colpire ancora. È quanto hanno deciso i pm milanesi, i quali...
23.03.2019
Mondo

Facebook, password non sicure: 600 milioni di account a rischio

Facebook ha ammesso che per anni ha conservato le password di milioni di utenti senza criptarle, conservandole in un documento di testo accessibile a migliaia di dipenden...
23.03.2019
Mondo
x