Sport, 12 marzo 2019

Klasen ai box: Lugano all’assalto come 12 mesi fa

Lo svedese non sarà in pista questa sera per gara-2 contro lo Zugo: la sua visione di gioco e le sue giocate sicuramente mancheranno, ma i bianconeri già l’anno scorso di sono trovati nella stessa situazione

LUGANO – Scossa l’ora della Cornèr Arena. Questa sera la pista luganese e il popolo bianconero dovranno essere determinanti durante gara-2 dei quarti di finale contro lo Zugo. La truppa di Ireland difficilmente cambierà il proprio game-plan, difficilmente cambierà il suo modo di approcciare alla sfida, con tutti i rischi che questo comporta, ma è evidente che Ireland crede nel suo gruppo, nelle qualità di quest’ultimo di resistere agli attacchi e alle incornate dei Tori, convinto che prima o poi la giocata buona e decisiva i suoi saranno in grado di trovarla.

Nella speranza che ciò avvenga, facendo affidamento anche su Elvis Merzlikins, il Lugano si avvicina alla sfida, forse la più importante in questo momento, dovendo fare a meno di Linus Klasen. A lungo fuori durante la stagione per scelta tecnica, lo svedese si era ripreso il posto da titolare grazie alle sue qualità e alla sua propensione all’inventiva specie durante i powerplay. Il colpo ricevuto a Zugo sabato si fa sentire e quasi sicuramente il numero 86 dovrà alzare bandiera bianca, almeno per la sfida odierna: al suo posto ecco Haapala.

Lasciando da parte le qualità tecniche e l’efficacia dei due scandivani, c’è comunque un qualcosa che può far ben sperare in casa Lugano. Lo scorso anno i bianconeri arrivarono fino all’ultimo atto rinunciando praticamente per tutti i playoff a Klasen: fu una scelta tecnica, benché reduce da un infortunio, perché Ireland decise di puntare sui due difensori (Sanguinetti e Johnston) che accompagnavano i due stranieri d’attacco (Lajunen e Lapierre). Certo potremmo aprire tante parentesi, ricordando quanto fu determinante lo stesso ex Lulea, e quanto allora il numero 24 e il numero 25 fossero devastanti, ma resta il fatto che la truppa luganese dovette fare a meno del buon Linus.

La speranza che questo piccolo particolare possa portare bene al Lugano, anche se… avere Klasen in pista non sarebbe affatto male!

Guarda anche 

Tu chiamale follie da calendario: in LNA una classifica che non rispecchia la realtà

LUGANO – 55 punti in 40 partite, 6° posto in campionato: se il bottino ottenuto fin qui in campionato dal Lugano non è certo da montarsi la testa, la pos...
23.01.2020
Sport

“A Lugano ho fatto degli errori… Il ballo e la cucina: dopo l’esonero ero carico”: Celestini parla del suo addio

LUCERNA – La scorsa primavera era l’allenatore che per la seconda volta in tre anni aveva riportato il Lugano in Europa League, pochi mesi dopo Fabio Celestin...
23.01.2020
Sport

Una nuova agenda congiunta della Città e di Lugano Region per la promozione degli eventi

LUGANO- È stata presentata oggi in una conferenza stampa a Villa Ciani la nuova agenda degli appuntamenti di Lugano e del Luganese. Frutto del lavoro congiunto ...
21.01.2020
Ticino

Più soldi e meno carriera: la scelta di Junior fa felice il suo portafoglio

LUGANO – “Non voglio più giocare a Lugano, voglio guadagnare di più”. Con queste parole, più o meno, Junior ha messo Angelo Renzett...
21.01.2020
Sport