Mondo, 11 marzo 2019

"Una mowgli moderna", bambina tratta in salvo dopo 5 anni passati nell'immondizia senza contatti con il mondo esterno

Agenti di polizia con indosso tute di protezione chimica hanno salvato una bambina di cinque anni “incapace di parlare e con nessuna abilità sociale" che viveva in mezzo a immondizia maleodorante infestata da scarafaggi in un appartamento nella capitale russa Mosca. La bambina, secondo quanto riferisce il “Daily Mail” è stata definita dai media russi come una moderna “mowgli” per il suo aspetto selvaggio e transadato.

La bimba mezza nuda, chiamata Lyubov - Amore - era disidratata e malaticcia dopo che sua madre, Irina Garashchenko, 47 anni, era stata "assente per giorni" dal suo appartamento di Mosca.

La ragazzina affamata si era costruita una tana tra le pile di immondizia puzzolente infestata dagli scarafaggi e l'appartamento in cui viveva era in uno stato talmente compromesso che la polizia ha dovuto utilizzare tute di protezione chimica per entrare.

Una collana era incastonata nella sua pelle e i rapporti dicono che "non poteva parlare, solo fare suoni e non era socializzata".

Le fu offerta dell'acqua, di cui "bevve due litri". Gli inquierenti ritengono che abbia "segni pronunciati di anoressia", hanno riferito i rapporti.

Un vicino che è entrato nell'appartamento dopo aver chiamato la polizia a causa del pianto disperato della ragazza ha detto: "Siamo quasi svenuti a causa delle condizioni dell'appartamento e dell'odore”.

"Una bambina di cinque anni era seduta sul davanzale della finestra in cucina con un cappello e maglietta senza biancheria intima. Lei stava piangendo e c'erano scarafaggi dappertutto” racconta il vicino.

Sempre secondo i vicini madre e figlia sarebbero venuti a vivere nell'edificio cinque anni fa, ma poi la madre ha detto che la era andato a vivere con una nonna. Suo marito sarebbe stato deportato in Ucraina prima della nascita della figlia.

Invece la piccola sarebbe rimasta con la madre, di fatto chiusa in casa, e non avrebbe mai avuto contatti con il mondo esterno o con sconosciuti, dicono i rapporti.

Dopo che la polizia ha portato via la bambina, la madre è tornata a casa e gli è stato impedito di fuggire di nuovo dai vicini ed è successivamente stata arrestata dalla polizia con l'accusa di tentato omicidio.

Guarda anche 

Controlli della velocità mobili e semi-stazionari in Ticino

  La Polizia cantonale e le polizie comunali comunicano che, in ottica di prevenzione della circolazione stradale, saranno effettuati controlli della velocit&...
17.08.2019
Ticino

Tiro Sportivo – Concorso individuale fucile 50m

Nel giorno di Ferragosto, come da tradizione, hanno avuto luogonel Poligono di Iseo le finali del concorso Individuale cantonale nelle categorie ju...
17.08.2019
Sport

Attenzione! Torna il tutor

ROMA - Autostrade per l’Italia ha riattivato il servizio Tutor su tutta la rete autostradale controllata dalla concessionaria. La Corte di Cassazione ha infatti rit...
16.08.2019
Mondo

Luce verde alla libera circolazione delle persone: le bugie hanno le gambe corte

PS, PLR, PPD, Verdi e Verdi liberali hanno ribadito, oggi a Berna, il loro sostegno incondizionato e convinto alla libera circolazione delle persone. I loro rappresentant...
16.08.2019
Ticino