Sport, 11 marzo 2019

1 punto col Basilea e c’è rammarico: un bel Lugano

L’1-1 interno di ieri sta quasi stretto alla squadra di Celestini che con un po’ più buona sorte e cattiveria poteva davvero centrare la posta piena

LUGANO – I punti di vantaggio sullo Xamax sono ora 5, il cuscinetto resta di sicurezza, non bisogna abbassare la guardia, ma è innegabile che questo Lugano è davvero un Lugano diverso rispetto a quello che si era visto nella prima parte della stagione. Certo anche nel girone d’andata i bianconeri riuscivano a regalare ottime partite, grandi ripartenze, condite da qualche errore di troppo spesso pagato a caro prezzo, ma in questo momento la truppa di Celestini ha il coraggio di affrontare ogni rivale a petto impavido e a testa alta.

La dimostrazione la si è avuta anche ieri contro il Basilea: certo il Basilea non è più quello che fino a 2 anni fa dominava a destra e sinistra in Svizzera, ma è anche vero che anche con l’YB Sabbatini e compagni hanno saputo lottare e rispondere colpo su colpo. Eppure contro i renani, una delle squadre più in forma del momento, l’1-1 finale maturato ieri va forse stretto ai ticinesi che avrebbero potuto anche ambire al colpo gobbo.

Nonostante le assenze, nonostante l’infortunio dello sfortunatissimo Yao, e nonostante il 352 iniziale che comunque ha dato i suoi frutti, i ragazzi di Celestini hanno mostrato di riuscire a giocare anche con meno pressione, più liberi mentalmente, senza l’incubo della vittoria che faticava ad arrivare fino a settimana scorsa. Certo, con 5 punti di vantaggio sullo Xamax, non c’è da abbassare l’attenzione, ma questo Lugano fa davvero ben sperare.

Guarda anche 

Cercasi addetta vendita per il mercatino di Natale di Lugano... a Como

Lugano in provincia di Como ? Sì, almeno stando a un sito di annunci di lavoro italiano, dove l'11 novembre scorso è stato pubblicato un annuncio, ...
15.11.2019
Ticino

“Ciao Los Angeles. Ora torna a guardare il baseball”. Il sobrio saluto di Ibrahimovic alla MLS

LOS ANGELES (USA) - Mai banale neanche quando si tratta di presentare il suo saluto a un campionato che lo ha accolto a braccia aperte, a una squadra che lo ha trattato c...
14.11.2019
Sport

Asprilla da paura: “Un narcos mi ha chiesto l’autorizzazione per uccidere Chilavert”

MEDELLIN (Colombia) – Non ha avuto certo una vita noiosa Faustino Asprilla, storico attaccante della Colombia degli anni ’90 che ha vestito anche la maglia de...
14.11.2019
Sport

Primi mugugni e malcontenti dalla parti della Cornér Arena. Cosa non va nel Lugano?

LUGANO – Qualche mugugno, seppur flebile, tra i sostenitori del Lugano si è iniziato a sentire martedì sera. Forse la sosta per la Nazionale e l&rsquo...
14.11.2019
Sport