Sport, 07 marzo 2019

“Stufo di questa merd*!”. Che delirio sulla VAR in Champions

Le decisioni prese ieri sera in PSG-United e Porto-Roma hanno cambiato lo scenario delle qualificazioni ai quarti di finale e Pallotta, presidente dei giallorossi italiani, ha letteralmente sbottato

OPORTO (Portogallo) – Un rigore concesso a Parigi al 92’ che ha permesso allo United di centrare una qualificazione pazzesca dopo lo 0-2 casalingo di tre settimane fa, uno dato al Porto al 115’ e uno non fischiato a favore della Roma al 119’: la serata di ieri di Champions League è stata in larga parte decisa dalla VAR.

Se a Parigi Neymar e altri hanno protestato, ma obiettivamente il braccio di Kimpembe era abbastanza largo da poter indurre l’arbitro Skomina a concedere la massima punizio (il PSG dovrebbe più che altro
piangere se stesso per gli errori commessi), in Portogallo durante i supplementari è successo di tutto.

Prima c’è stato il rigore concesso al Porto per la trattenuta della maglia da parte di Florenzi, poi all’ultimo minuto ecco il fallo non concesso – visionando il VAR dall’alto – a Schick che avrebbe potuto regalare alla Roma il passaggio del turno. “Sono stufo di questa merda, il fallo era evidente. Non ho più parole”, è stato lo sfogo del presidente dei giallorossi, James Pallotta.

Guarda anche 

I premi per il Mondiale? Tutti in beneficenza

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il Canada, per la prima volta da Messico ’86, si è qualificato per il Mondiale di calcio che si terrà da novembre...
05.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

Gianluca Pessotto, il dramma di un calciatore perduto

TORINO (Italia) - Il 27 giugno 2006 l’Italia calcistica è nella bufera: l’inchiesta dei magistrati ha appena scoperchiato un sistema di corruzione...
29.07.2022
Sport

Rivoluzione inglese: colpi di testa banditi, fino a 12 anni solo col pallone ai piedi

LONDRA (Gbr) – Se non è una rivoluzione, poco ci manca. Specie per il calcio inglese, vigoroso, spigoloso, fisico, in cui il colpo di testa è quasi un...
28.07.2022
Sport