Mondo, 07 marzo 2019

Arrestati per aver eretto una croce cristiana sull'"isola dei migranti"

La polizia ha arrestato 35 cittadini greci e un uomo albanese sull'isola greca di Lesbo per aver eretto una croce cristiana di metallo. Doveva rimpiazzare una precedente croce eretta nell'agosto 2018 (ne parlavamo qui) e distrutta da ignoti qualche giorno dopo. In quell'occasione nessuno era stato arrestato.

I 36 uomini sono stati arrestati con l'accusa di occupazione illegale di proprietà pubblica e di costruzione abusiva.

La croce cristiana viene ritenuta da alcuni come offensiva per i molti migranti, in maggioranza musulmani, che approdano sull'isola greca, divenuta negli scorsi anni uno dei punti di arrivo principali per i richiedenti l'asilo e i clandestini. Di conseguenza la croce cristiana è ormai al centro di una controversia che oppone da una parte le ONG e gruppi pro-migranti presenti
sull'isola, e una parte dei cittadini residenti che vorrebbero fosse mantenuta.

Fra quest'ultimi vi è un gruppo, denonimato "Cittadini liberi", che in un comunicato diffuso il mese scorso ha affermato, in merito alla rimozione della croce, che la "massa siriaca, che devasta il potere del nostro paese, ha raggiunto il suo obiettivo più alto: la distruzione totale e l'estinzione di ogni elemento greco e cristiano della nostra cultura greco-ortodossa".

In un breve video, pubblicato da "Euronews" (disponibile qui, in inglese) uno degli abitanti arrestati afferma: "Sembra che abbiamo disturbato molte persone. Le accuse per le quali siamo stati arrestati sono ridicole. E se la fanno a pezzi (la croce), la rialzeremo di nuovo. Devono capire che questa è la nostra terra, questa è la nostra religione e questo è il nostro simbolo ".

Guarda anche 

Migliaia di giovani in piazza contro la censura di Internet imposta dall'UE

Da diverse settimane molte città europee, in particolare in Germania, sono teatro di manifestazioni di giovani (e meno giovani) contrari alla legge sul copyright a...
23.03.2019
Mondo

Si dicono favorevoli ad accogliere un migrante, ma quando gliene viene messo uno davanti si rifiutano

Curioso e simpatico esperimento quello ideato dall'emittente svedese Samnytt TV. In un reportage intitolato "Le persone vogliono davvero ospitare immigrati a cas...
23.03.2019
Mondo

"Ho agito perché sentivo le voci dei bambini morti in mare"

Ousseynou Sy, l'autista che ha dirottato lo scuolabus con a bordo 51 ragazzini, potrebbe colpire ancora. È quanto hanno deciso i pm milanesi, i quali...
23.03.2019
Mondo

Facebook, password non sicure: 600 milioni di account a rischio

Facebook ha ammesso che per anni ha conservato le password di milioni di utenti senza criptarle, conservandole in un documento di testo accessibile a migliaia di dipenden...
23.03.2019
Mondo
x