Mondo, 13 ottobre 2018

Sull'"isola dei migranti" distruggono una croce cristiana perchè offensiva per i musulmani presenti

immagine el.gr
L'antica isola mitica di Lesbo è oggi meglio conosciuta come uno dei principali punti di approdo per i trafficanti di esseri umani e per i problemi e i conflitti sorti in relazione alla presenza di migranti provenienti dal medio oriente.

E, a testimonianza dei problemi di convivenza sorti dall'arrivo dei migranti, una grande croce cristiana posta recentemente sull'isola greca negli scorsi giorni è stata divelta e distrutta, come riporta il portale "lesvonews.net". Questo dopo che una organizzazione che rivendica la promozione della convivenza multiculturale aveva criticato la presenza della croce perchè poteva essere percepita come un'offesa per i migranti presenti, che sono prevalentemente di fede islamica. Eppure la croce era stata eretta proprio in memoria dei migranti morti mentre tentavano la traversata tra la Turchia e la Grecia.

Tuttavia, secondo l'organizzazione che aveva lanciato la controversia, la croce era offensiva perché molte delle persone annegate e molti migranti presenti sull'isola non sono di fede cristiana. Il giornale locale dell'isola riferisce che il gruppo avrebbe anche ricevuto il sostegno di alcune organizzazioni umanitarie attive a Lesbo che hanno espresso opinioni negative sul monumento a forma di croce. Una lettera era inviata alle autorità dell'isola e al sindaco in cui si sosteneva che la croce era stata collocata lì per offendere i migranti presenti sull'isola. La lettera affermava che coloro che avevano eretto la croce erano "aspiranti crociati", motivati ​​da motivazioni razziste e intolleranti che "abusavano" della croce cristiana. E hanno quindi chiesto la rimozione del monumento. Pochi giorni dopo, di notte, l'intero monumento è stato divelto e demolito, come testimoniano le immagini. Gli autori del gesto non sarebbero stati identificati. L'atto ha provocato forti reazioni da parte di gran parte della popolazione locale, che ritiene che la demolizione della croce sia in contrasto con le credenze religiose cristiane condivise dalla maggioranza degli abitanti dell'isola.






Guarda anche 

Confermato carcere e espulsione per un imam di Wintherthur

Il Tribunale federale ha respinto l'appello di un imam somalo della moschea An'Nur di Winterthur (ZH). L'uomo era stato condannato per  per istigazione a...
19.07.2019
Svizzera

Dei corsi di nuoto per i richiedenti l'asilo per far diminuire gli annegamenti

Quasi la metà delle vittime di annegamento in Svizzera sono di origine straniera. Nel 2018 sono state 37 persone a perdere la vita l'anno scorso in laghi e cor...
18.07.2019
Svizzera

“Vade retro Islam!”, l'intervista di Giorgio Ghiringhelli a un esperto di Islam

Il fondatore del movimento "Il Guastafeste" Giorgio Ghiringhelli ha pubblicato, sul sito del movimento, un'intervista da lui condotta all'esperto di isl...
11.07.2019
Ticino

La Francia condannata a risarcire uno degli attentatori della strage di Parigi

Il governo francese è stato condannato a pagare una multa di 500 euro a Salah Abdeslam (nella foto), unico membro rimasto in vita del commando islamico che il...
09.07.2019
Mondo