Svizzera, 28 febbraio 2019

Esplode il consumo di medicamenti in Svizzera, uno su due ne è dipendente

Uno svizzero su due di età superiore ai 15 anni prende almeno un farmaco ogni settimana, riferisce l'Ufficio federale di statistica (UST). La tendenza è in aumento rispetto alle rilevazioni precedenti. Nel 1992, era ancora il 38% della popolazione svizzera a consumare almeno un farmaco in un periodo di sette giorni. Tale quota è salita al 50% nel 2017, dice l'OFS come indagine sulla salute.

Le donne prendono più farmaci rispetto agli uomini (55% contro 45%). La quota di persone che consumano medicamenti aumenta con l'età e raggiunge l'84% in 75 anni e più.

Nel complesso, la popolazione svizzera ritiene che la sua salute (85%) e la qualità della vita (92%) sono buoni o molto buoni. Un terzo degli intervistati soffre tuttavia di problemi di salute a lungo termine. I fattori più a rischio sono le malattie cardiovascolari come l'ipertensione, i livelli di colesterolo troppo alto, il diabete o l'obesità.

Antidolorifici i più diffusi

Gli antidolorifici sono i farmaci più frequentemente consumati, il 24% della popolazione afferma averne presi nei sette giorni precedenti l'indagine condotta nel 2017. I farmaci contro le malattie cardiovascolari sono anche diffuse.

Nello stesso periodo, il 16% degli svizzeri hanno preso il farmaco contro l'ipertensione, l'8% dei farmaci contro il colesterolo troppo alto e il 7% dei farmaci per il cuore. Sonniferi e tranquillizzantii sono stati consumati da circa il 5% della popolazione.

L'uso di farmaci contro la pressione alta o colesterolo è particolarmente aumentata dal 2002 al 2012. Il consumo di analgesici èraddoppiato
nel 2017 rispetto al 1992. Invece il consumo di medicamenti psicotropi è rimasto stabile, eccetto antidepressivi, fino dal 2007 per poi aumentare.

Medicina complementare

Inoltre, l'uso della medicina cosiddetta complementare è aumentato costantemente dal 2002 (16%). Circa il 29% della popolazione chiede almeno un trattamento di questo tipo nel corso di un anno. Le donne lo usano più spesso degli uomini (37% contro il 21%) e quelle con un alto livello di istruzione lo usano più spesso di coloro che hanno completato solo l'istruzione obbligatoria (34% contro il 18%).

Svizzeri romandi (38%) seguono questo tipo di trattamento più degli svizzero tedeschi (26%) e dei ticinesi (23%). Le differenze sono particolarmente marcate per l'osteopatia: il 21% della popolazione francofona le usa, rispetto al 6% e al 5% rispettivamente nella Svizzera tedesca e nella Svizzera italiana.

Pressione sul lavoro

L'alta pressione nella vita professionale può contribuire a problemi di salute e problemi psichici, afferma l'OFS. Circa il 20% delle persone intervistate che lavorano si sentono stressati al lavoro.

Sono il 19% è in parte o totalmente d'accordo con la dichiarazione secondo cui si sentono emotivamente consumati al lavoro. Inoltre, il 15% ha paura di perdere il proprio impiego. Tuttavia, quasi i tre quarti (73%) dei lavoratori si dichiarano soddisfatti o molto soddisfatti del proprio lavoro.

L'indagine svizzera sulla salute viene condotta ogni cinque anni dal 1992. Nel 2017, 22'134 persone sono state interrogate sul loro stato di salute e sul loro comportamento.

Guarda anche 

"Disoccupazione dei frontalieri: L'assalto alla diligenza elvetica è già cominciato. La Lega non ci sta!"

Con un comunicato trasmesso poco fa ai media la Lega dei Ticinesi manifesta la sua contrarierà all'ipotesi che sia la Svizzera a dover pagare le indennit&agrav...
21.03.2019
Svizzera

Clima, un liceo ha obbligato i suoi studenti a scioperare

Come molti altri giovani in Svizzera, migliaia di studenti e studenti sono scesi in piazza lo scorso venerdì nel cantone di Berna per chiedere politiche efficaci i...
21.03.2019
Svizzera

Sempre più genitori schedano i propri figli per paura che l'ex li rapisca

La scorsa settimana, due bambine rapite più di 4 anni fa dal loro padre e portate in Egitto hanno fatto ritorno a casa loro a Interlaken (BE). In Svizzera, la p...
21.03.2019
Svizzera

Aveva aggredito una dipendente di un centro per richiedenti l'asilo fino a farle perdere un occhio, condannata a 18 anni di carcere

Il tribunale cantonale di Zurigo ha condannato martedì una richiedente l'asilo per tentato omicidio ad una reclusione di 18 anni, confermando così il ve...
21.03.2019
Svizzera
x