Svizzera, 28 febbraio 2019

Esplode il consumo di medicamenti in Svizzera, uno su due ne è dipendente

Uno svizzero su due di età superiore ai 15 anni prende almeno un farmaco ogni settimana, riferisce l'Ufficio federale di statistica (UST). La tendenza è in aumento rispetto alle rilevazioni precedenti. Nel 1992, era ancora il 38% della popolazione svizzera a consumare almeno un farmaco in un periodo di sette giorni. Tale quota è salita al 50% nel 2017, dice l'OFS come indagine sulla salute.

Le donne prendono più farmaci rispetto agli uomini (55% contro 45%). La quota di persone che consumano medicamenti aumenta con l'età e raggiunge l'84% in 75 anni e più.

Nel complesso, la popolazione svizzera ritiene che la sua salute (85%) e la qualità della vita (92%) sono buoni o molto buoni. Un terzo degli intervistati soffre tuttavia di problemi di salute a lungo termine. I fattori più a rischio sono le malattie cardiovascolari come l'ipertensione, i livelli di colesterolo troppo alto, il diabete o l'obesità.

Antidolorifici i più diffusi

Gli antidolorifici sono i farmaci più frequentemente consumati, il 24% della popolazione afferma averne presi nei sette giorni precedenti l'indagine condotta nel 2017. I farmaci contro le malattie cardiovascolari sono anche diffuse.

Nello stesso periodo, il 16% degli svizzeri hanno preso il farmaco contro l'ipertensione, l'8% dei farmaci contro il colesterolo troppo alto e il 7% dei farmaci per il cuore. Sonniferi e tranquillizzantii sono stati consumati da circa il 5% della popolazione.

L'uso di farmaci contro la pressione alta o colesterolo è particolarmente aumentata dal 2002 al 2012. Il consumo di analgesici èraddoppiato nel 2017 rispetto al 1992. Invece il consumo di medicamenti psicotropi è rimasto stabile, eccetto antidepressivi, fino dal 2007 per poi aumentare.

Medicina complementare

Inoltre, l'uso della medicina cosiddetta complementare è aumentato costantemente dal 2002 (16%). Circa il 29% della popolazione chiede almeno un trattamento di questo tipo nel corso di un anno. Le donne lo usano più spesso degli uomini (37% contro il 21%) e quelle con un alto livello di istruzione lo usano più spesso di coloro che hanno completato solo l'istruzione obbligatoria (34% contro il 18%).

Svizzeri romandi (38%) seguono questo tipo di trattamento più degli svizzero tedeschi (26%) e dei ticinesi (23%). Le differenze sono particolarmente marcate per l'osteopatia: il 21% della popolazione francofona le usa, rispetto al 6% e al 5% rispettivamente nella Svizzera tedesca e nella Svizzera italiana.

Pressione sul lavoro

L'alta pressione nella vita professionale può contribuire a problemi di salute e problemi psichici, afferma l'OFS. Circa il 20% delle persone intervistate che lavorano si sentono stressati al lavoro.

Sono il 19% è in parte o totalmente d'accordo con la dichiarazione secondo cui si sentono emotivamente consumati al lavoro. Inoltre, il 15% ha paura di perdere il proprio impiego. Tuttavia, quasi i tre quarti (73%) dei lavoratori si dichiarano soddisfatti o molto soddisfatti del proprio lavoro.

L'indagine svizzera sulla salute viene condotta ogni cinque anni dal 1992. Nel 2017, 22'134 persone sono state interrogate sul loro stato di salute e sul loro comportamento.

Guarda anche 

Gli Stati Uniti annunciano di aver ufficialmente lasciato l'Organizzazione mondiale della sanità

Il presidente americano Donald Trump ha ufficialmente avviato la procedura per il ritiro degli Stati Uniti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che...
08.07.2020
Mondo

"Questa emergenza sanitaria porta con sé un’emergenza economica che ci accompagnerà nei prossimi anni."

La tassa di collegamento è stata introdotta da molti datori di lavoro in molte aziende già a partire dal 2016. Il primo di aprile di quest’anno il ...
07.07.2020
Opinioni

Valutazione immobiliare: valore di mercato e valore di credito ipotecario, sai di cosa si tratta?

I valutatori immobiliari di Brülhart & Partners SA tengono a chiarire il concetto di “valore di mercato” e di “valore di credito ipotecario&rdq...
06.07.2020
Ticino

La Svizzera condannata dalla CEDU per il suicidio di un detenuto

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha accolto il ricorso di una madre il cui figlio si era suicidato nel 2014 nella sua cella di Urdorf, nel canton Zurigo....
02.07.2020
Svizzera