Sport, 24 febbraio 2019

Roland Habisreutinger: il DS che non vuole mollare

Tutti in discussione nel Lugano, anche il direttore sportivo giunto 9 anni fa?

LUGANO - Saprà resistere ancora una volta ai venti di rilancio e di rinnovo che soffiano sull’HC Lugano? Riuscirà, bontà sua, a restare al suo posto per il decimo anno consecutivo? Oppure, l’analisi che il club farà al termine di questa tribolata stagione gli sarà fatale? Stiamo parlando di Roland Habisreutinger, il direttore sportivo "conducator” bianconero che dal 2010 fa il bello e il brutto tempo nella società più titolata del Canton Ticino che mai come in questi giorni è sotto pressione: ci sono i playoff da conquistare, c’è (eventualmente) una stagione nuova da pianificare (anche se grosso è stato fatto) e c’è, e ci mancherebbe, un posto di lavoro (il suo) da salvaguardare. Insomma: anche per buon Roland non è, e non sarà, una passeggiata.

Del resto, sono i rischi del mestiere, ai quali anche un dirigente della sua esperienza non può sottrarsi. Anche se per lui sembra che discorso sia un po’ diverso rispetto ad allenatori e giocatori. Se quest’ultimi sono stati tagliati impietosamente quando qualcosa non funzionava, l’ex direttore sportivo del Kloten, sino ad oggi non è mai finito nel tritacarne bianconero. Anzi: se possibile è stato riconfermato senza se e senza ma..

A questo proposito rimandiamo i nostri lettori alla conferenza stampa tenuta nel gennaio del 2017 l’indomani della cacciata di Doug Shedden. Famose (e fumose?) le parole del presidente: “Chi c’era prima di Roland non è che abbia fatto meglio...". Ma tant’è: nessun giornalista in quel momento seppe rispondere a Vicky Mantegazza, e forse sarebbe bastato ricordarle che con Jòrg Eberle il Lugano vinse il suo ultimo titolo nel 2006.

In questo momento di difficoltà, in seno al gremio luganese la scelta se continuare o meno con Habisreutinger diventa uno dei nodi da sciogliere più importanti. Per ora nessuno si sbottona anche se da fonti vicine al club sappiamo che il DS vorrebbe continuare. Il Lugano è diventata la sua seconda casa e per lui trovare un altro club di prima fascia risulta essere un’impresa titanica. Del resto, il bilancio della sua permanenza alla Resega non parla certo a suo favore: sotto accusa sono scelte di mercato quanto meno opinabili, strategie confuse, pericolosi impasse (come quello attuale...) e un rapporto con la stampa e il pubblico (volenti o nolenti contano anche quelli) non certamente idilliaco.

Chi non ricorda per esempio 10 striscione esposto dalla Nord dopo il licenziamento di Shedden? Quel giorno i tifosi non le mandarono di certo a dire: “Roland vattene!” .Suscitando l’ira della dirigenza che replicò il giorno dopo con un comunicato in cui si diceva, fra le altre cose che “decisioni e scelte, giuste o sbagliate, sono tuttavia sempre state condivise all'interno del massimo organo dirigenziale e non è quindi corretto che sul banco degli accusati venga posto l'operato di una singola persona”. E ciò, a distanza di due anni, attesta come il CdA abbia sempre avvallato le sue scelte. Emblematico.

In questi anni giornalisti e tifosi si sono sempre chiesti come mai Roland abbia sempre avuto un’ampia linea di credito nonostante i fallimenti di cui sopra. Oggi, affranti, delusi e rassegnati, sembra che abbiano lasciato in disparte questo tema scottante, anche se non dimenticano che a metterlo lì è stato Fabio Gaggini, ex presidente bianconero e “ tutore” dell’attuale dirigenza. E a Fabio, grande conoscitore di hockey, chiediamo dunque: come valuta il lavoro di Habisreutinger? Positivo, buono, negativo, pessimo?

Intanto il futuro dell’HC Lugano è ancora in alto mare. Oltre alla posizione del DS ci sono altre situazioni da risolvere, legate per altro anche alla riconferma di Habisreutinger. La principale riguarda naturalmente la conferma (o meno) del tecnico Greg Ireland, a cui difficilmente verrà però rinnovata la fiducia. La mancanza di un gioco, la sua testardaggine nelle scelte tecniche, il rapporto con i giocatori non più idilliaco lasciano supporre che l’addio avverrà a fine campionato. E per sapere chi sarà il suo sostituto dovremo attendere la decisione del club sul direttore sportivo. Anche se siamo disposti a scommettere che in cuor suo il CdA abbia già deciso di mantenerlo al suo posto...

MDD

Guarda anche 

È un Lugano pronto…a tifare Basilea!

BERNA - Il campionato di Super League è fermo, il pallone questa domenica non rotolerà sui campi del campi del massimo campionato svizzero di calcio, m...
19.05.2019
Sport

La strada è tracciata, ma alla Svizzera manca l’ultimo passo

BRATISLAVA (Slovacchia) – Dopo l’incredibile argento di Copenaghen, dopo l’ottimo avvio del Mondiale slovacco, la Svizzera aveva bisogno di capire di ch...
19.05.2019
Sport

A lezione da Gerndt: il Lugano, salvo, a 180’ da un sogno chiamato Europa

LUGANO – Dobbiamo fare mea culpa e chiedere scusa un po’ a tutti ad Angelo Renzetti. Ebbene sì, perché un po’ tutti quando il presidente d...
17.05.2019
Sport

Granitica dietro, cinica e cattiva davanti: è una Svizzera che incanta

BRATISLAVA (Slovacchia) – Un quarto di finale già conquistato con largo anticipo, un atteggiamento sul ghiaccio da grande squadra che domina e impone il suo ...
16.05.2019
Sport