Sport, 18 febbraio 2019

4 punti di passione e di speranze: Ambrì, dipende da te!

La sconfitta di Langnau potrebbe complicare un po’ le cose per i leventinesi che domani si recheranno a Zugo: contro i Tori sono giunti solamente 3 punti

AMBRÌ – Dalla festa per il quarto derby stagionale, ai borbottii per la caduta di Langnau. Il weekend all’Ambrì ha regalato gioie e qualche delusione, dovuta più che altro a qualche errore banale. Ma la squadra c’è, è viva, è in piena corsa per un posti nei playoff e non sembra intenzionata a rallentare la corsa.

Certo il KO della Ilfis un po’ ha fatto storcere il naso a qualche tifoso che, dopo la sbornia del venerdì sera, si aspettava una squadra più precisa, più volenterosa e meno pasticciona di quella scesa in pista contro il Langnau, ma l’Ambrì deve pensare solo a se stesso, ai tuoi punti, alla crescita importante che sta dimostrando da settembre e alle prossime sfide che dovrà affrontare.

A partire da quella di domani a Zugo. Un match complicato: se nel passato i biancoblù riuscivano spesso a trovare il bandolo della matassa per ingabbiare i Tori, quest’anno qualche difficoltà l’hanno palesata, tanto da racimolare 3 piccoli punti in casa nei tre match disputati alla Valascia, per poi uscire scornati dalla sfida della Bossard Arena dello scorso 2 gennaio.

Come detto, però, Bianchi e compagni devono pensare solo a loro stessi, ai loro 67 punti racimolati fin qui, al loro 4° powerplay della Lega, al 7° penalty killing del campionato e a quei 4 importantissimi punti di vantaggio (con tanto di scontri diretti a favore) che hanno sui “cugini” del Lugano. Non sarà moltissimo, forse, ma a 7 partite dalla fine… meglio averli che non averli.

I ragazzi di Cereda devono solo continuare a giocare come fatto per gran parte della stagione, evitando penalità sciocche ed errori grossolani come quelli commessi a Langnau che sono costati loro la partita. C’è un appuntamento, quello con i playoff, che va assolutamente (e meritatamente) raggiunto!

Guarda anche 

SONDAGGIO – Mercato fermo, DS disperso: Lugano, che fai?

LUGANO – Dopo gli arrivi di Reto Suri, Dominic Lammer, Sandro Zangger e di Sandro Zurkirchen – che hanno fatto da contraltare alle partenze di Elvis Merzlikin...
21.05.2019
Sport

Una Russia marziana, la Svizzera deve restare ancorata a terra

BRATISLAVA (Slovacchia) – Un famoso luogo comune dell’hockey recita che la Russia è capace del meglio come del peggio, dipende da come la Red Machine s...
20.05.2019
Sport

Kostner: “Questa Svizzera è da podio”

BRATISLAVA (Slovacchia) – Non sarà certamente un Mondiale da ricordare, quello della Nazionale italiana. Il bilancio, del resto, è lì, tutto da...
20.05.2019
Sport

La strada è tracciata, ma alla Svizzera manca l’ultimo passo

BRATISLAVA (Slovacchia) – Dopo l’incredibile argento di Copenaghen, dopo l’ottimo avvio del Mondiale slovacco, la Svizzera aveva bisogno di capire di ch...
19.05.2019
Sport