Mondo, 11 febbraio 2019

Decine di migliaia di spagnoli in piazza contro il governo socialista di Pedro Sanchez

Decine di migliaia di persone hanno manifestato domenica a Madrid al richiamo della destra contro il capo del governo socialista Pedro Sanchez. È accusato di aver "tradito" la Spagna mantenendo aperto il dialogo con i separatisti catalani.

Secondo la polizia, circa 45'000 persone hanno partecipato a questo raduno. Il Partito Popolare ha invece parlato di "oltre 200.000" partecipanti. Sventolando bandiere e cartelloni spagnoli con scritto "Stop Sanchez", i manifestanti si sono radunati a Plaza Coloncon lo slogan "Per una Spagna unita, le elezioni ora".



Chiamato dal PP e dai liberali di Ciudadanos, insieme ai nazionalisti di Vox, questa mobilitazione arriva due giorni prima dell'apertura di martedì a Madrid del processo di dodici ex leader indipendentisti per il loro ruolo nel tentativo di secessione della Catalogna.

"Il governo spagnolo sta lavorando per l'unità della Spagna", ha replicato dal canto suo il premier Pedro Sanchez, che aveva accusato sabato la destra di rappresentare una "Spagna in bianco e nero". "Quello che faccio come capo del governo, sempre nel rispetto della Costituzione, sta correggendo una crisi di stato che il PP ha contribuito ad aggravare quando era al potere da sette anni", dal 2011 al 2018, ha continuato M . Sanchez, citato dall'agenzia AFP.

Il Partito popolare, Ciudadanos e Vox, che accusano Sanchez cedere al "ricatto" dei catalani separatisti da quando è salito al potere, avevano invitato i loro sostenitori a scendere in piazza dopo che il governo aveva deciso di nominare una figura indipendente per facilitare il dialogo tra governo e separatisti. La decisione aveva suscitato grande indignazione nel paese e l'opposizione di destra l'aveva subito bollata come un tradimento.



Nonostante questa concessione, il dialogo è stato rotto venerdì tra governo e indipendentisti con le due parti che si sono accusate a vicenda per questa rottura.

Finora i separatisti si sono rifiutati di approvare il bilancio del signor Sanchez. In caso di rifiuto del bilancio, il socialista, che è a capo di un governo ultra-minoritario, potrebbe essere costretto a convocare elezioni anticipate prima della fine della legislatura nel 2020, con il rischio di perdere il potere a vantaggio della destra, in netto vantaggio nei sondaggi.

Guarda anche 

Danimarca, quando la sinistra fa retromarcia sull'immigrazione e vince le elezioni

La Danimarca, in ambito politologico, è da tempo sinonimo di “modello scandinavo”. Quello assicurato ai punti di vista di chi ritiene che non poss...
07.06.2019
Mondo

“Sette giocatori comprati”: è il caos sul calcioscomesse iberico

VALLADOLID (Spagna) – Si sta allargando a macchia d’olio lo scandalo relativo al calcio scommesse esploso in Spagna, in merito alla partita Valladolid-Valenci...
04.06.2019
Sport

San Francisco, città-simbolo del fallimento della sinistra americana

La California, nell'immaginario collettivo, è un posto idiallico, dove una natura incantevole si fonde con le dinamiche "cities" (Los Angeles e San F...
03.06.2019
Mondo

Elezioni regionali in Italia, il Piemonte passa al centrodestra

Da oggi il canton Ticino confinerà con due regioni italiane entrambe governate dal centrodestra. Alle elezioni regionali in Piemonte, il candidato di Forza Italia ...
30.05.2019
Mondo