Mondo, 11 febbraio 2019

Decine di migliaia di spagnoli in piazza contro il governo socialista di Pedro Sanchez

Decine di migliaia di persone hanno manifestato domenica a Madrid al richiamo della destra contro il capo del governo socialista Pedro Sanchez. È accusato di aver "tradito" la Spagna mantenendo aperto il dialogo con i separatisti catalani.

Secondo la polizia, circa 45'000 persone hanno partecipato a questo raduno. Il Partito Popolare ha invece parlato di "oltre 200.000" partecipanti. Sventolando bandiere e cartelloni spagnoli con scritto "Stop Sanchez", i manifestanti si sono radunati a Plaza Coloncon lo slogan "Per una Spagna unita, le elezioni ora".



Chiamato dal PP e dai liberali di Ciudadanos, insieme ai nazionalisti di Vox, questa mobilitazione arriva due giorni prima dell'apertura di martedì a Madrid del processo di dodici ex leader indipendentisti per il loro ruolo nel tentativo di secessione della Catalogna.

"Il governo spagnolo sta lavorando per l'unità della Spagna", ha replicato dal canto suo il premier Pedro Sanchez, che aveva accusato sabato la destra di rappresentare una "Spagna in bianco e nero". "Quello che faccio come capo del governo, sempre nel rispetto della Costituzione, sta correggendo una crisi di stato che il PP ha contribuito ad aggravare quando era al potere da sette anni", dal 2011 al 2018, ha continuato M . Sanchez, citato dall'agenzia AFP.

Il Partito popolare, Ciudadanos e Vox, che accusano Sanchez cedere al "ricatto" dei catalani separatisti da quando è salito al potere, avevano invitato i loro sostenitori a scendere in piazza dopo che il governo aveva deciso di nominare una figura indipendente per facilitare il dialogo tra governo e separatisti. La decisione aveva suscitato grande indignazione nel paese e l'opposizione di destra l'aveva subito bollata come un tradimento.



Nonostante questa concessione, il dialogo è stato rotto venerdì tra governo e indipendentisti con le due parti che si sono accusate a vicenda per questa rottura.

Finora i separatisti si sono rifiutati di approvare il bilancio del signor Sanchez. In caso di rifiuto del bilancio, il socialista, che è a capo di un governo ultra-minoritario, potrebbe essere costretto a convocare elezioni anticipate prima della fine della legislatura nel 2020, con il rischio di perdere il potere a vantaggio della destra, in netto vantaggio nei sondaggi.

Guarda anche 

I salari si difendono solo stando alla larga dall’UE

Come detto in più occasioni, la battaglia determinante per il futuro della Svizzera è quella sui rapporti con la fallita UE. I funzionarietti di Bruxelles, ...
24.04.2019
Svizzera

Accusato di stupro durante una crociera, non viene perseguito

Un cittadino italiano, accusato di stupro da una 17enne britannica durante una crociera al largo della Spagna, non sarà perseguito dalla giustizia spagnola perch&e...
15.04.2019
Mondo

Prete multato per aver alloggiato un richiedente l'asilo in attesa di espulsione (e la sinistra si mobilita per lui)

Il pastore Norbert Valley (a destra nella foto) è stato interrogato giovedì mattina dal pubblico ministero di Neuchâtel, che prenderà la sua de...
11.04.2019
Svizzera

“La sinistra si è spinta troppo oltre”. Professore canadese mette in guardia contro le “derive autoritarie” della sinistra

Jordan Peterson è un professore canadese che negli ultimi è diventato celebre, in particolare per essersi opposto al monopolio della sinistra nel mondo acca...
25.03.2019
Mondo