Mondo, 07 febbraio 2019

In Gran Bretagna scuola islamica "dove le ragazze non possono mangiare finchè i maschi non finiscono il loro pasto" (e il governo non interviene)

La scuola Al-Hijrah a Birmingham sta ancora separando ragazzi e ragazze nonostante una sentenza della Corte d'Appello nel 2017 che ha rilevato che la pratica era illegale, secondo Luke Tryl, direttore della strategia aziendale dell'Ofsted, un'agenzia statale britannica che si occupa di assicurare gli standard educativi nelle scuole del paese.

Rivolgendosi al comitato per le donne e le pari opportunità, a cui era presente una giornalista del “Telegraph”, Tryl ha detto che gli ispettori della sua agenzia stanno cercando di sanare la situazione nelle scuole che discriminano le ragazze, ma dice che i suoi funzionari si sentono "isolati" in quanto il loro lavoro non sarebbe sostenuto sufficientemente dal governo e dalle forze dell'ordine.

Tryl ha affermato che la scuola Al-Hijrah impone una "rigida segregazione di genere" che include "negare alle ragazze di pranzare fino a quando i maschi non hanno finito il loro pasto".

"Inoltre abbiamo visionato dei testi di natura discriminatoria, ad esempio incoraggiando la violenza contro le donne", ha aggiunto il funzionario britannico.

Secondo Tryl, nonostante la sentenza della Corte d'Appello secondo cui la segregazione di genere all'interno della scuola è illegale, la scuola non ha ancora dato segnali di miglioramento a oltre due anni dalla sentenza, che risale a metà 2017. E nessuno, né la polizia né funzionari dello stato, sono finora intervenuti per ristabilire la legalità nello stabilimento.

Tryl ricorda che gli ispettori di Ofsted possono evidenziare la segregazione nei loro rapporti, ma che il potere di esecutivo, cioè di sanare la situazione, ricade sui funzionari del governo.

"Allo stesso modo altre scuole si sono rifiutate di insegnare l'educazione sessuale. Abbiamo segnalato la situazione mandando dei rapporti ma anche in questo ambito non abbiamo notato alcun un cambiamento" aggiunge Tryl.

“È questo che intendo con isolamento. I nostri funzionari vanno sul campo, noi scriviamo i nostri rapporti esponendoci a critiche anche feroci e nonostante i nostri sforzi nel segnalare situazioni di illegalità nessuno interviene” conclude sconsolato.

Guarda anche 

Il Consiglio centrale islamico svizzero insegna ai suoi iscritti come maneggiare armi bianche

Alla fine di settembre, il Consiglio centrale islamico svizzero (CCIS) ha organizzato un fine settimana di sopravvivenza, riservato agli uomini, durante il quale ai parte...
14.10.2019
Svizzera

Germania, ruba un camion e si schianta nel traffico gridando "Allah!"

Un siriano "sulla trentina" si è schiantato nel traffico lunedì sera con un camion che aveva rubato poco prima nella città di Limburg, in G...
08.10.2019
Mondo

Boris Johnson assicura: “Con o senza accordo, usciamo dall’Ue il 31 ottobre”

Il premier britannico, Boris Johnson, ha assicurato, esprimendosi mercoledì al congresso del partito conservatore a Manchester, che il Regno Unito uscir&...
03.10.2019
Mondo

Armi e piani per fabbricare bombe in casa, in carcere 17enne simpatizzante dell'ISIS

Il Tribunale federale ha confermato la detenzione di un 17enne, residente nel canton Ginevra e in possesso del passaporto svizzero, simpatizzante dello Stato islamico (IS...
02.10.2019
Svizzera