Svizzera, 04 febbraio 2019

Riceve una nota perchè si presenta in classe con i jeans strappati (e il suo compagno maschio invece no)

"Mia figlia ha due strappi sui suoi jeans - è la moda fra i giovani - e alla fine di gennaio, ha ricevuto un'annotazione disciplinare. Invece nulla è stato rimproverato al suo compagno di classe, i cui pantaloni sono molto più strappati ", ha detto Claire, mamma della tredicenne Anja, a “20 minutes”.

Claire assicura di non voler lanciare una crociata contro le norme sull'abbigliamento delle scuole medie di Budé, nel canton Ginevra, dove è iscritta la figlia. Ma lei si chiede: "I pantaloni con gli strappi, non vanno bene per le ragazze ma per i maschi sì?"

"Nascondiamo le nostre ragazze?"

Più in generale, ammette che sono necessarie regole per evitare abusi, ma ritiene che la loro applicazione sia talvolta esagerata. "Un'altra volta, Anja è stata mandata a casa per una maglietta senza maniche. Qual è il messaggio? Dobbiamo nascondere i corpi delle nostre ragazze? A me non sembra che mia figlia esageri e assomigli a tutte le ragazze della sua età."

Un'altra madre, il cui figlia è nello stesso ciclo di orientamento di Anja, si ribella. Secondo Julia, sua figlia ha ricevuto un'osservazione da un insegnante per essersi stirata in classe, rivelando la pancia: "Richiedere un vestito corretto, questo sì. Ma in questo caso, non si è fatta vedere mezza nuda. È un delirio! "

Trattamento uguale

Il Dipartimento della pubblica istruzione di Ginevra (DIP) non commenta casi particolari. Ma sottolinea di essere molto sensibile alla questione dell'uguaglianza. "Non ci sono differenze nel trattamento di ragazze e ragazzi nelle scuole", dice il portavoce del DIP Pierre-Antoine Preti. Quest'ultimo aggiunge anche che "il rinvio di uno studente a casa è raramente chiesto per questioni di abbigliamento".

I regolamenti sull'abbigliamento sono derivati ​​dalla legge sull'istruzione, che richiede "abbigliamento corretto e appropriato". Quindi libero per ogni stabilimento per specificare i dettagli di cosa sia un “abbigliamento corretto e appropriato”. Gli amministratori della scuola possono richiedere che la pancia sia coperta o vietare l'uso del training e del cappuccio in classe. I genitori sono informati delle regole, che sono tenuti ad accettare con una firma. C'è anche una dimensione educativa, osserva Pierre-Antoine Preti. I divieti possono quindi essere emessi in merito a "abiti che mostrano slogan, loghi e immagini sessiste, razziste, offensive e osceno".

Guarda anche 

Si presenta al colloquio di lavoro con i pantaloncini, la disoccupazione gli toglie un mese di indennità

Presentarsi a un colloquio di lavoro forse non è il modo migliore per farsi assumere, ma non è tuttavia un motivo sufficiente per vedersi ridurre le indenni...
11.09.2019
Svizzera

La docente frontaliera finita nell'occhio del ciclone non insegna più a Mendrisio

Il Decs l'aveva difesa a spada tratta. Ma lei se n'è andata lo stesso. V. G., la professoressa italiana finita nell'occhio del ciclone dopo che parecch...
06.09.2019
Ticino

Sempre più docenti frontalieri nella scuola media ticinese

La scuola media di Manuele Bertoli pesca sempre più oltre frontiera. Sono 56 i frontalieri che insegnano nelle scuole medie ticinesi, cui vanno aggiunti 85 docenti...
26.08.2019
Ticino

"Lo sciopero delle donne è per donne ideologizzate e privilegiate"

Il 14 giugno si terrano diverse manifestazioni in occasione di uno "sciopero delle donne", dei membri dell'UDC parteciperanno a un pasto in sostegno dell...
08.06.2019
Svizzera