Svizzera, 04 febbraio 2019

Riceve una nota perchè si presenta in classe con i jeans strappati (e il suo compagno maschio invece no)

"Mia figlia ha due strappi sui suoi jeans - è la moda fra i giovani - e alla fine di gennaio, ha ricevuto un'annotazione disciplinare. Invece nulla è stato rimproverato al suo compagno di classe, i cui pantaloni sono molto più strappati ", ha detto Claire, mamma della tredicenne Anja, a “20 minutes”.

Claire assicura di non voler lanciare una crociata contro le norme sull'abbigliamento delle scuole medie di Budé, nel canton Ginevra, dove è iscritta la figlia. Ma lei si chiede: "I pantaloni con gli strappi, non vanno bene per le ragazze ma per i maschi sì?"

"Nascondiamo le nostre ragazze?"

Più in generale, ammette che sono necessarie regole per evitare abusi, ma ritiene che la loro applicazione sia talvolta esagerata. "Un'altra volta, Anja è stata mandata a casa per una maglietta senza maniche. Qual è il messaggio? Dobbiamo nascondere i corpi delle nostre ragazze? A me non sembra che mia figlia esageri e assomigli a tutte le ragazze della sua età."

Un'altra madre, il cui figlia è nello stesso ciclo di orientamento di Anja, si ribella. Secondo Julia, sua figlia ha ricevuto un'osservazione da un insegnante per essersi stirata in classe, rivelando la pancia: "Richiedere un vestito corretto, questo sì. Ma in questo caso, non si è fatta vedere mezza nuda. È un delirio! "

Trattamento uguale

Il Dipartimento della pubblica istruzione di Ginevra (DIP) non commenta casi particolari. Ma sottolinea di essere molto sensibile alla questione dell'uguaglianza. "Non ci sono differenze nel trattamento di ragazze e ragazzi nelle scuole", dice il portavoce del DIP Pierre-Antoine Preti. Quest'ultimo aggiunge anche che "il rinvio di uno studente a casa è raramente chiesto per questioni di abbigliamento".

I regolamenti sull'abbigliamento sono derivati ​​dalla legge sull'istruzione, che richiede "abbigliamento corretto e appropriato". Quindi libero per ogni stabilimento per specificare i dettagli di cosa sia un “abbigliamento corretto e appropriato”. Gli amministratori della scuola possono richiedere che la pancia sia coperta o vietare l'uso del training e del cappuccio in classe. I genitori sono informati delle regole, che sono tenuti ad accettare con una firma. C'è anche una dimensione educativa, osserva Pierre-Antoine Preti. I divieti possono quindi essere emessi in merito a "abiti che mostrano slogan, loghi e immagini sessiste, razziste, offensive e osceno".

Guarda anche 

In una scuola elementare di Berlino, su 320 alunni solo uno è tedesco. I corsi vengono impartiti in turco

Nella scuola elementare “Jens-Nydahl-Grundschule” di Berlino su 320 alunni, solo uno è tedesco e parla il tedesco come madrelingua. Inoltre, la padrona...
15.04.2019
Mondo

Clima, un liceo ha obbligato i suoi studenti a scioperare

Come molti altri giovani in Svizzera, migliaia di studenti e studenti sono scesi in piazza lo scorso venerdì nel cantone di Berna per chiedere politiche efficaci i...
21.03.2019
Svizzera

Docenti provenienti da oltre confine ed esami truccati: La Scuola ticinese è allo sbaraglio!

PUBLIREDAZIONALE - Nelle scorse settimane ho inoltrato due interrogazioni al Consiglio di Stato, con lo scopo di far chiarezza su due situazioni urgenti e puntuali. ...
07.03.2019
Publireportage

Una App per preparare i giovani al servizio militare

Prima di iniziare il servizio militare, i giovani svizzeri ora possono prepararsi fisicamente e mentalmente con una nuova app. L'obiettivo è che i militi si in...
04.03.2019
Svizzera