Svizzera, 02 febbraio 2019

Viaggio della Posta in Vietnam per 200'000 franchi, l'imbarazzo arriva in Consiglio federale

Il presidente del consiglio di amministrazione della Posta, il Consigliere agli Stati Urs Schwaller (PPD/FR, nella foto) ha invitato oggi i dirigenti a mostrare "sensibilità". "Mi aspetto che sappiano che La Posta non è una società privata come le altre". Urs Schwaller ha detto oggi di stare analizzando il viaggio in Vietnam, rivela "Le Matin".

Interrogato sulla vicenda da CH-Media Group, Schwaller si è espresso sul controverso viaggio organizzato dalla Posta a Ho Chi Minh City, in Vietnam, condotto alla fine di gennaio, in cui 103 quadri della Swiss Post Solutions (SPS), una consociata di La Poste, si sono riuniti per un costo di circa 200'000 franchi.

Fondamentalmente, non c'è niente di sbagliato che SPS, che ha uffici in Europa, America e Asia, si riunisca una volta in Vietnam, afferma Schwaller. Quest'ultimo sottolinea tuttavia che sta raccogliendo "tutti gli elementi del viaggio".

Interpellata da Keystone-ATS, il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) ha fatto sapere dal canto suo che la consigliera federale Simonetta Sommaruga ha affrontato il tema di questo viaggio Giovedi in una riunione con Urs Schwaller e il direttore della Posta Ulrich Hurni. L'incontro era già programmato prima
della pubblicazione di articoli sull'argomento, secondo il DATEC.

L'incontro annuale, che si è svolto dal 21 al 22 gennaio a Ho Chi Minh City, è stato rivelato dal Blick. 36 partecipanti provenivano dalla Svizzera, 17 dalla Germania e dalla Gran Bretagna e 12 dagli Stati Uniti; 21 altri dirigenti provengono dall'Asia e da paesi diversi come Francia, Austria, Paesi Bassi.

Secondo quanto ha riferito venerdì La Posta, il budget del viaggio era di 100'000 franchi, come negli anni precedenti. Somma a cui se ne devono aggiungere circa altri 100'000 in spese di viaggio.

Il sindacato di Syndicom aveva criticato questo viaggio, ritenendolo un affronto all'immagine dell'ex regia federale. I dipendenti a diretto contatto con i clienti devono subire "le osservazioni arrabbiate sul comportamento dei loro superiori" da parte degli utenti. La Posta Svizzera dovrebbe introdurre una "trasparenza totale", secondo i rappresentanti del personale.

Swiss Post Solutions impiega 7'500 persone in tutto il mondo, tra cui 1'500 in Vietnam e 900 in Svizzera. Il resto è suddiviso tra Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti. La sussidiaria La Posta offre soluzioni per le aziende che desiderano esternalizzare i propri processi aziendali. È presente in 24 paesi.

Guarda anche 

Imposta preventiva: un Sì che giova a lavoro e gettito

Il prossimo 25 settembre saremo chiamati a votare sull’abolizione dell’imposta preventiva sulle obbligazioni. Non si tratta di una questione che riguarda p...
19.09.2022
Opinioni

"Perchè la Posta delocalizza posti di lavoro qualificati in Portogallo?"

Con un comunicato stampa trasmesso oggi la Posta ha annunciato la sua intenzione di voler aprire un "centro di sviluppo IT" in Portogallo, dove assumerà ...
13.09.2022
Svizzera

"Quali benefici per Lugano dalla riforma dell'imposta preventiva?"

La città di Lugano potrebbe beneficiare dalla riforma dell'imposta preventiva su cui si voterà il prossimo 25 settembre? È quello che chiedono...
25.08.2022
Ticino

Da ottobre 2023 partiti e politici non potranno accettare donazioni anonime e dall'estero

Politici e partiti in futuro dovranno presto essere più trasparenti sui loro finanziamenti. Le nuove regole si applicheranno per la prima volta nel 2023 e a col...
25.08.2022
Svizzera