Svizzera, 28 gennaio 2019

Accordo fiscale, anche Cassis perde la pazienza: "Sabotaggio del governo italiano"

"Non possiamo più aspettare perchè l'accordo è vecchio di quattro anni" sono le parole di uno spazientito Ignazio Cassis, pronunciate in un'intervista rilasciata a "La Stampa" e ripresa da Ticinonews. Se i toni del capo del dipartimento degli Affari esteri sembravano più concilianti appena due settimane durante il suo incontro con il suo omologo italiano Enzo Moavero, quando Cassis si era limitato a ribadire la disponibilità della Svizzera a firmare l'accordo, questa volta il Consigliere federale si è mostrato più impaziente, arrivando ad accusa il governo italiano di voler "sabotare" l'accordo fiscale per calcoli elettorali.

Per il ministro della Confederazione il problema sarebbe di politica interna italiana in quanto il Governo italiano “non vuole scontentare gli elettori del Nord Italia che vivono nelle zone di frontiera”.

“I frontalieri italiani sono circa 65 mila, il 95% lavora in Ticino. La loro imposizione fiscale è retta da un accordo del 1974: pagano un’aliquota che va dall’8 al 12%. Parte di queste imposte, il 38%, viene versata al governo italiano che le gira ai Comuni di residenza”. Con il nuovo accordo l’imposizione verrebbe portata allo stesso livello di quella italiana. Con l'entrata in vigore dell'accordo l'imposizione fiscale dei frontalieri sarebbe molto più alta e e Roma avrebbe maggiori entrate per circa 300-400 milioni di euro ed eliminerebbe le disparità di trattamento tra i suoi contribuenti.

Insomma, che l’Italia stia davvero rinunciando a 400 milioni per mantenere il favore di 65mila elettori e le loro famiglie? Nonostante sia la conclusione più ovvia dell'accusa di Cassis, su questa domanda, però, Cassis non ha dato una risposta diretta: “Questa è una conclusione che state traendo voi…”.

Guarda anche 

San Gallo, richiedente l'asilo aggredisce autista di un autobus e cerca di fuggire con il mezzo

Un 29enne richiedente l'asilo somalo ha aggredito sabato mattina nel canton San Gallo l'autista di un autobus su cui era salito. Come riferisce il "Blick&quo...
21.11.2019
Svizzera

A Euro 2020 ci siamo: ora proviamo il salto di qualità

GIBILTERRA (Gibilterra) – Sarebbe stato un vero e proprio terremoto calcistico e sportivo se ieri sera la Svizzera non avesse centrato la qualificazione in casa del...
19.11.2019
Sport

Vince 27-0 in campionato: esonerato!

GROSSETO (Italia) – Una vittoria netta, esagerata, rotonda che ha avuto come risultato quello di far perdere il posto in panchina all’allenatore reo di aver t...
18.11.2019
Sport

Italia, "troppi" bambini non cristiani e la scuola annulla la recita di Natale

A scuola ci sono troppi bambini non cristiani e quindi non verrà organizzata alcuna recita di Natale perchè sarebbe "offensivo" nei loro confronti...
18.11.2019
Mondo