Sport, 27 gennaio 2019

Nole-Rafa-Roger: per la NextGen non c’è ancora spazio

Oggi Djokovic e Nadal si contenderanno l’Australian Open, ma gli ultimi risultati maturati nelle semifinali del torneo australiano indicano che i giovani devono ancora pedalare

MELBOURNE (Australia) – Mettetevi comodi sul divano e preparatevi a una maratona, a una sfida ricca di emozioni e di colpi di scena. Di punti incredibili, di corsa, di tecnica e di forza: questa mattina Novak Djokovic e Rafael Nadal si contenderanno la coppa dell’Australian Open edizione 2019.

Dopo le due vittorie filate di Roger Federer, maturate nel 2017 e nel 2018, questa volta saranno gli attuali leader della classifica Atp a contendersi lo scettro. Una finale meritatissima, conquistata con autorità che mette in chiaro una cosa: per i giovani rampanti, per quella che viene denominata la NextGen, per il momento non c’è spazio.

Con Murray ormai vicino al ritiro, con Wawrinka che fatica a tornare in forma, gli occhi degli appassionati quando si avvicina una prova dello Slam puntano su i soliti tre: Djokovic, Nadal e Federer (in rigoroso ordine di classifica).

Abbiamo specificato una prova dello Slam, perché quando si parla di Masters 1000, ecco che per esempio Zverev la sua firma riesce a metterla. Il tedesco si è aggiudicato anche le Finals di Londra, ma quando si tratta di affrontare due settimane con partite al meglio dei 5 set, ecco che le cose cambiano e per tutti gli altri è notte fonda.

È
vero, Federer si è dovuto arrendere già agli ottavi al cospetto del terribile greco Tsitsipas – l’ellenico è destinato a una carriera davvero importante, perché il suo è un tennis di altissimo livello – ma in quasi ogni Slam uno dei tre lì davanti inciampa. Vuoi a causa dell’età, vuoi per la superficie magari meno idonea al proprio gioco o vuoi per la giornata di grazia del proprio avversario che vive quella sfida come la madre di tutte le sfide.

Ma resta il fatto che, guardando le semifinali disputate a Melbourne, quando i giochi iniziano a contare, tutti gli outsiders, tutto “il nuovo che avanza” non avanza mai… anzi, torna a casa con le pive nel sacco e con lezioni di tennis prese dai mostri sacri. Nadal ha letteralmente annientato lo stesso Tsitsipas, Djokovic non ha praticamente neanche sudato per togliersi davanti il problema Pouille!

Insomma, il tennis è uno sport spettacolare, intenso e ricco di pathos, ma finché quei tre (facciamo quattro, allargando il discorso a Wawrinka nella speranza che possa tornare ai suoi livelli) decideranno di non fermarsi – Nadal e Djokovic in realtà anno dopo anno perfezionano il loro gioco – non ce n’è davvero per nessuno.

Guarda anche 

“Giocavo con Claudio Zali ma ero più bravo di lui...”

LUGANO - Sono stati mesi difficili per Marco Borradori. Il sindaco di Lugano si è trovato a gestire la spinosa questione dell’aeroporto d...
12.04.2021
Sport

Camila si mette in posa… i suoi tifosi protestano

MIAMI (USA) – 30 anni. Numero 86 del tennis mondiale. Camila Giorgi, soltanto qualche anno fa, sembrava destinata a una carriera promettente, ma nell’ultimo p...
02.04.2021
Sport

Federer? Può continuare ma deve limitare gli sforzi

Quando parliamo di Roger Federer parliamo del più grande campione che la Svizzera abbia mai avuto nella storia dello sport. Per tanti anni ha letteralm...
29.03.2021
Sport

VIDEO – Fan si avvicina a Federer senza mascherina… e lui…

DUBAI (UAE) – Roger Federer ha fatto il suo ritorno nel circuito ATP: il 39enne ha preso parte al torneo di Doha, dove dopo aver battuto Evans, si è arreso a...
25.03.2021
Sport