Svizzera, 24 gennaio 2019

Dal canton Vaud va in Serbia, pochi giorni dopo lo ritrovano smembrato

foto 20minutes.ch
"Mio padre doveva tornare a Yverdon-les-Bains prima di Natale. Ho trovato molto strano che non rispondesse al telefono quando doveva rimanere appena due o tre giorni in Serbia". Nikola (nome di fantasia) è ancora furioso da quando ha appreso le condizioni atroci in cui suo padre ha perso la vita. "Quelli che hanno fatto questo a mio padre non sono umani ma mostri", ha aggiunto il commerciante 31enne. A causa delle indagini ancora in corso in Serbia, non vuole dilungarsi sulle circostanze della tragedia.

"Era un'imboscata"

Secondo quanto riferisce il “20 minutes”, il 52enne ha voluto approfittare del suo breve soggiorno in Serbia per incontrare una donna che intendeva assumere per lavorare come animatrice nel negozio del figlio Nikola durante le vacanze di fine anno. Attivo nei trasporti prima di avere problemi di salute, quest'uomo, cittadino serbo e in possesso di un permesso C, era al beneficio dell'assistenza.

"Aveva un appuntamento il 22 dicembre con una presunto cantante. Ma era un'imboscata. È stato ucciso
con delle pale" si confida una fonte al portale romando.

Una coppia arrestata dalla polizia serba

Secondo i media serbi, una volta commesso il crimine, il corpo è stato smembrato. Diverse parti sono state trovate in un fiume verso Smederevo, vicino a Belgrado (nella foto il luogo del ritrovamento). La polizia serba ha arrestato due sospetti: un uomo di 43 anni e una donna di 25 anni.

Il motivo del crimine è ancora sconosciuto. Ma diverse congetture stanno circolando nella comunità serba. "Non aveva soldi. Ma in Serbia, molte persone pensavano che fosse ricco" dice un pensionato. "Ha avuto una recente disputa con una cameriera a Yverdon. Secondo me, quello che è successo ha una connessione con quello. Ho saputo che gli assassini gli hanno preso soldi, le sue carte di credito e due telefoni " racconta un altro.

L'uomo è stato sepolto circa dieci giorni fa in Serbia, alla presenza di Nikola, suo fratello minore di 19 anni e la loro madre, tutti domiciliati a Yverdon-les-Bains, nel canton Vaud.

Guarda anche 

Omicida di colore in fuga a Zurigo, un ticinese si preoccupa: “Speriamo non gli facciano del male”

Ha del surreale la testimonianza riportata oggi da Ticinonline in merito all’omicidio avvenuto lunedì mattina attorno alle 9 a Zurigo-Altstetten. Un uomo ...
04.05.2021
Svizzera

“Nyffeler e Dario Simion mi hanno impressionato”

BIENNE - La nazionale rossocrociata ha ripreso venerdì la preparazione in vista dei Mondiali del gruppo A che si svolgeranno da metà maggio ad inizio g...
03.05.2021
Sport

Un mese dopo essere arrivato in Svizzera, rifugiato pugnala e uccide la moglie

Un rifugiato eritreo ha ucciso la moglie appena un mese dopo essere arrivato in Svizzera tramite il ricongiungimento famigliare a Peseux, nel canton Neuchâtel, giov...
25.04.2021
Svizzera

Nicole Bullo: “Anche senza l’HCL noi sempre vincenti”

LUGANO - Otto titoli svizzeri in 17 anni con la maglia del Lugano, oltre 250 presenze in rossocrociato, quattro Olimpiadi e undici Mondiali con un bronzo in ciascuna...
19.04.2021
Sport