Svizzera, 24 gennaio 2019

Dal canton Vaud va in Serbia, pochi giorni dopo lo ritrovano smembrato

foto 20minutes.ch
"Mio padre doveva tornare a Yverdon-les-Bains prima di Natale. Ho trovato molto strano che non rispondesse al telefono quando doveva rimanere appena due o tre giorni in Serbia". Nikola (nome di fantasia) è ancora furioso da quando ha appreso le condizioni atroci in cui suo padre ha perso la vita. "Quelli che hanno fatto questo a mio padre non sono umani ma mostri", ha aggiunto il commerciante 31enne. A causa delle indagini ancora in corso in Serbia, non vuole dilungarsi sulle circostanze della tragedia.

"Era un'imboscata"

Secondo quanto riferisce il “20 minutes”, il 52enne ha voluto approfittare del suo breve soggiorno in Serbia per incontrare una donna che intendeva assumere per lavorare come animatrice nel negozio del figlio Nikola durante le vacanze di fine anno. Attivo nei trasporti prima di avere problemi di salute, quest'uomo, cittadino serbo e in possesso di un permesso C, era al beneficio dell'assistenza.

"Aveva un appuntamento il 22 dicembre con una presunto cantante. Ma era un'imboscata. È stato ucciso con delle pale" si confida una fonte al portale romando.

Una coppia arrestata dalla polizia serba

Secondo i media serbi, una volta commesso il crimine, il corpo è stato smembrato. Diverse parti sono state trovate in un fiume verso Smederevo, vicino a Belgrado (nella foto il luogo del ritrovamento). La polizia serba ha arrestato due sospetti: un uomo di 43 anni e una donna di 25 anni.

Il motivo del crimine è ancora sconosciuto. Ma diverse congetture stanno circolando nella comunità serba. "Non aveva soldi. Ma in Serbia, molte persone pensavano che fosse ricco" dice un pensionato. "Ha avuto una recente disputa con una cameriera a Yverdon. Secondo me, quello che è successo ha una connessione con quello. Ho saputo che gli assassini gli hanno preso soldi, le sue carte di credito e due telefoni " racconta un altro.

L'uomo è stato sepolto circa dieci giorni fa in Serbia, alla presenza di Nikola, suo fratello minore di 19 anni e la loro madre, tutti domiciliati a Yverdon-les-Bains, nel canton Vaud.

Guarda anche 

Il Patto ONU che cova sotto la cenere

E’ un po’ che non si sente più parlare del patto ONU sulla migrazione, detto anche Global Compact. Quello che 165 Stati hanno sottoscritto nel dicembre...
19.07.2019
Svizzera

Fugge da un istituto psichiatrico, un poliziotto gli spara

Un uomo fuggito da un'istituto psichiatrico ha perso la vita mercoledì sera durante un'operazione di polizia a Berna. Ritenuto un "pericolo imminente&...
18.07.2019
Svizzera

La polizia sta cercando un caimano in un lago del canton Argovia

La polizia argoviese sta cercando un caimano avvistato domenica sera da un pescatore nel lago Hallwil. Sul posto, i bagnanti non sembrano preoccupati: tra i nuotatori che...
18.07.2019
Svizzera

Dei corsi di nuoto per i richiedenti l'asilo per far diminuire gli annegamenti

Quasi la metà delle vittime di annegamento in Svizzera sono di origine straniera. Nel 2018 sono state 37 persone a perdere la vita l'anno scorso in laghi e cor...
18.07.2019
Svizzera