Svizzera, 22 gennaio 2019

Trasporti illegali in Svizzera: l'AFD sanziona tre ditte estere

L’Amministrazione federale delle dogane ha di recente portato a termine tre inchieste inerenti veicoli esteri utilizzati per effettuare trasporti interni, di merci, vietati in Svizzera (cabotaggio). Tre società di trasporto estere, dal 2014 al 2018, hanno utilizzato i propri veicoli per caricare merce in Svizzera, trasportarla e poi scaricarla, sempre in Svizzera, presso un altro luogo. Più di 800 i trasporti effettuati, utilizzando 52 veicoli.

Oltre 260'000.- franchi svizzeri di tributi sono stati richiesti posticipatamente dall’AFD. Diverse verifiche di veicoli, effettuate dagli Ispettorati doganali ticinesi all’atto della loro uscita dalla Svizzera, hanno destato sospetti circa l’utilizzo non conforme di alcuni mezzi per il trasporto di merce. Da un’analisi approfondita delle informazioni, nonché dalle prime indagini, si è evidenziato che tre società di trasporto estere, operanti anche in Svizzera, utilizzavano i propri veicoli per movimentare merce all’interno del territorio nazionale.

Le inchieste hanno potuto stabilire che, a fronte di esigenze logistiche specifiche, i trasportatori inchiestati caricavano merce in Svizzera sui propri veicoli esteri per trasportarle e scaricarle altrove, sempre sul territorio elvetico. Il cabotaggio è un fenomeno che nuoce molto alle aziende svizzere attive nel settore dei trasporti. Questo genere di trasporto può essere eseguito solo con veicoli regolarmente sdoganati ed immatricolati in Svizzera.

Effettuare trasporti interni con veicoli esteri, oltre che violare la legislazione doganale, viola anche la legislazione inerente la circolazione stradale e quella inerente i trasporti su strada. Pertanto la Sezione della circolazione cantonale e l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) sono stati informati in tal senso.

Tre gli atti d'accusa notificati alle persone inchiestate che rischiano ora pesanti sanzioni. Multe minori sono state comminate agli autisti dei mezzi. 

Guarda anche 

Si esamina la revoca della nazionalità per gli Jihadisti elvetici

Cifre sicure non ce ne sono ma, secondo quanto riporta la Neue Zürcher Zeitung, delle venti persone partite dalla Svizzera per la Jihad e ancora presenti nelle zone ...
22.02.2019
Svizzera

Carnevale da incubo per una 19enne: nel drink le mettono la droga dello stupro

Nina, 19enne di Basilea, probabilmente ha chiuso con il carnevale. Durante i festeggiamenti a Rheinfelden (Germania), alla ragazza è stata messa a tradimento la dr...
22.02.2019
Svizzera

Secondo un sondaggio Ignazio Cassis è il Consigliere federale che sta più antipatico agli svizzeri

Stando a un sondaggio effettuato dall'istituto sotomo pubblicato dalla SSR, il Consigliere federale Ignazio Cassis sarebbe il Consigliere federale che risulta meno si...
22.02.2019
Svizzera

Referendum contro la direttiva UE sulle armi, la lotta al terrorismo diventa “lotta agli abusi”

In un comunicato pubblicato ieri la Comunità d'interesse del tiro svizzera (CIT) denuncia come, per il Consiglio federale, l'adozione della direttiva UE su...
22.02.2019
Svizzera