Opinioni, 18 gennaio 2019

Antonio Caggiano – "Un chiaro NO a un'iniziativa sterile e inopportuna"

Un chiaro NO a un’iniziativa sterile e inopportuna Il 10 febbraio saremo chiamati a dire la nostra sull’iniziativa popolare «Fermare la dispersione degli insediamenti», promossa dai giovani verdi. In pratica vorrebbero bloccare, alla situazione attuale e a tempo indeterminato, le zone edificabili del nostro territorio. La mia posizione è chiara e netta: io dico no, perché si tratta di un’iniziativa inutile e controproducente.

Inutile perché non tiene conto del parere già espresso dalla popolazione svizzera, che nel 2013 ha accettato la revisione della legge sulla pianificazione del territorio. Quella legge definisce le zone edificabili sulla base del fabbisogno prevedibile per i 15 anni successivi, la riduzione delle costruzioni nelle zone sovradimensionate e un migliore sfruttamento delle zone già edificate.

Quindi esiste da anni una misura legislativa pensata per tutelare il territorio e salvaguardare il paesaggio. Controproducente perché propone una visione che danneggia la popolazione. La danneggia perché aumenterebbero i costi immobiliari e i relativi affitti. Perché chi possiede terreni edificabili, ma non ancora edificati, potrebbe perdere tutto il proprio patrimonio a titolo di compensazione, in quanto l’iniziativa prevede che ogni nuova zona edificabile vada compensata con il sacrificio di una superficie equivalente. Perché l’edilizia non riguarda solo le costruzioni private ma anche quelle pubbliche come le scuole, i centri sportivi, gli ospedali, i luoghi di svago.

Perché serre, capannoni agricoli e stalle, non potrebbero più essere costruiti su terreni agricoli ma solo in zone edificabili dove costano molto di più, e questo comporterebbe un grave danno per i coltivatori e per le nostre valli. Perché allontanerebbe le imprese intenzionate ad investire in Svizzera, con tutto il danno che ne conseguirebbe a livello economico e occupazionale. Siamo dunque di fronte ad un’iniziativa sterile e inopportuna, che non rispetta il parere già espresso dalla popolazione, che non tutela l’autonomia dei Cantoni e dei Comuni e rappresenta un vero e proprio attacco al progresso, sostenibile e razionale, del nostro territorio.

Antonio Caggiano 

Guarda anche 

Salario minimo? Sì, ma senza la libera circolazione! Sennò…

Le difficoltà nel trovare un accordo sull’introduzione del salario minimo dimostrano quanto il Ticino sia impantanato a causa della devastante libe...
02.12.2019
Opinioni

Caso "imam", cagnara grottesca e strumentale

Visto che il presidente della sezione PS di Lugano Raoul Ghisletta insiste nel pubblicizzare la vicenda della naturalizzazione dell’imam di Viganello sospesa dalla ...
28.11.2019
Opinioni

Cadregari verdi allo sbaraglio

La fame di cadreghe imperversa tra i Verdi-anguria (verdi fuori, rossi dentro). Adesso la presidenta nazionale Regula Rytz, già candidata (non eletta) al Consig...
23.11.2019
Opinioni

Manteniamo vivo il nostro aeroporto

Già lunedì prossimo il Consiglio comunale di Lugano sarà chiamato a decidere sul futuro dell’aeroporto di Lugano-Agno: tema, questo, che da div...
23.11.2019
Opinioni