Svizzera, 17 gennaio 2019

Si automutila per evitare la condanna e l'espulsione, senza successo

Il curioso stratagemma di uno studente indiano per evitare di essere condannato e espulso è stato presto smascherato dalle indagini degli inquirenti. Come riferisce "20 minutes" nel novembre 2017 lo studente 23enne aveva violentemente attaccato una prostituta marocchina in un appartamento a Montreux, nel canton Vaud. Allertata dai vicini, è presto arrivata la polizia. Il ventitreenne, oltretutto sotto l'influsso della cocaina, si è allora mutilato piantandosi un coltello da cucina nell'ano, per far sembrare che fosse lui ad essere stato aggredito dalla donna marocchina e non il contrario.

Detenuto da allora, l'uomo è stato condannato in via semplificata dal Tribunale penale di Vevey, oltre che per l'aggressione anche per stupro. Perché se la serata era iniziata con una relazione a pagamento, la situazione è degenerata quando gli è stato chiesto di uscire dall'abitazione. Ha attaccato la sua vittima da dietro, spingendola sul letto, insultandola e schiaffeggiandola. Poi le ha legato le mani nella parte posteriore con un cavo e ha provato più volte ad abusare di lei, prima di usare la sua mano, poi un oggetto, per penetrarla. La prostituta è stata in seguito costretta a una fellatio per poi essere nuovamente picchiata.

Lo studente ha accettato la sua condanna negoziata con il pubblico ministero a 3 anni di carcere, di cui 18 mesi da scontesi e sarà espulso per 10 anni quando avrà scontato la sua pena. Dovrà inoltre rimborsare 41'000 franchi di spese e pagare una multa di 300 franchi. La vittima non ha partecipato all'udienza. Ha ritirato la denuncia dopo aver ricevuto un indennizzo di diverse migliaia di franchi.

Guarda anche 

Attacco all'arma bianca vicino alla sede di Charlie Hebdo, almeno due feriti

Un uomo e una donna sono stati accoltellati venerdì a Parigi, nei pressi della vecchia sede del giornale Charlie Hebdo, proprio mentre si tiene il processo per gli...
25.09.2020
Mondo

Condannati gli attivisti pro clima che avevano occupato una filiale del Credit Suisse

I dodici attivisti pro clima che avevano occupato una succursale del Credit Suisse nel 2018 e che erano stati assolti nel processo di primo grado lo scorso gennaio sono f...
25.09.2020
Svizzera

Degenera una lite in un appartamento di Zurigo, un morto e due feriti

Una lite è degenerata giovedì mattina in un appartamento di Zurigo causando la morte di un uomo e il ferimento di due donne. La polizia è stata aller...
24.09.2020
Svizzera

Nascose il fratello dopo l'omicidio, licenziato dall'amministrazione cantonale

È definitivo il licenziamento dall’amministrazione cantonale di un 38enne svizzero kosovaro domiciliato a Monte Carasso, fratello di uno dei cinque condannat...
22.09.2020
Ticino