Sport, 13 gennaio 2019

3 punti d’oro, ma il Lugano non è ancora guarito

La vittoria ottenuta ieri a Rapperswil ha messo comunque in evidenza le lacune e le difficoltà della truppa bianconera

LUGANO – Gregory Hofmann ha messo a segno la rete della vittoria, Elvis Merzlikins ha parato tutto quello che poteva e il Lugano, finalmente, è tornato alla vittoria. Dubitiamo che i tifosi dei bianconeri non abbiano tirato un sospiro di sollievo e non abbiano sorriso ieri sera dopo il successo colto in rimonta a Rapperswil, ma allo stesso momento dubitiamo che qualcuno sia soddisfatto da quanto si è visto sul ghiaccio.

Tra venerdì e sabato il Lugano ha affrontato due squadre in grossa crisi e in difficoltà – Zurigo e Lakers – e non ha fatto certo una bella figura. I punti incamerati sono stati 3, e per come si era messa la serata di ieri vanno benissimo, ma pensare di poter rimontare in ottica playoff sul Friborgo, sull’Ambrì, sugli stessi Lions o sul Ginevra in queste condizioni risulta davvero complicato.

Alla St. Galler Kantonalbank si è comunque visto un gruppo, ancora una volta, che non intende mollare, che nonostante vada sotto in seguito a penalità dubbie (quella rimediata da Chiesa fa quasi ridere) o meritate, riesce comunque a reagire, a restare attaccato al match, fino a risolverlo con le giocate dei singoli, con il carisma della squadra, nonostante qualche giocatore ancora lontano dal suo rendimento migliore.

Se Lajunen e Bürlger sembrano soltanto lontani parenti di quei giocatori che l’anno scorso potevano decidere una partita da un momento all’altro, ieri a Hofmann è bastato l’unico vero guizzo del weekend per incidere e decidere, a Loeffel è bastata una scorribanda offensiva per farsi trovare pronto all’ennesimo gol consecutivo – il settimo stagionale – e a Merzlikins è bastato ritrovare le giuste sensazioni per risultare nuovamente fondamentale.

La strada è ancora lunga, ripida e complicata, ma non è neanche impossibile: i playoff sono ancora raggiunginili, anche se quanto mostrato nel weekend dalla truppa di Ireland non lascia nessuno tranquillo e sereno. Battere il Friborgo venerdì prossimo, e sperare in qualche passo falso di quelle davanti, sarà fondamentale…

Guarda anche 

Lugano e… la dura legge del gol

BASILEA – “È la dura legge del gol, fai un gran bel gioco però, se non hai difesa gli altri segnano e poi vincono”. Recitava così u...
25.10.2021
Sport

“Mio padre Sandor un esempio. Ma non vivo nella sua ombra”

LUGANO - Mercedesz Kantor, classe 1998 (è nata l’8 settembre a Modena), 182 cm è la schiacciatrice del Volley Femminile Lugano. Conside...
25.10.2021
Sport

“Se vinci sei un fenomeno. Se perdi diventi un caso”

LUGANO - Le parole sono di un ex allenatone italiano che per anni c andato per la maggiore. Nevio Scala. "Se vinci sei un fenomeno, se perdi diventi u...
24.10.2021
Sport

Friborgo davvero intrattabile, Ambrì generoso ma non basta

FRIBORGO - Storicamente le partite fra Friborgo e Ambrì giocate alla Saint Leonard (ora BCF Arena) sono combattute sino alla fine. Poche volte si è sfa...
24.10.2021
Sport