Sport, 13 gennaio 2019

3 punti d’oro, ma il Lugano non è ancora guarito

La vittoria ottenuta ieri a Rapperswil ha messo comunque in evidenza le lacune e le difficoltà della truppa bianconera

LUGANO – Gregory Hofmann ha messo a segno la rete della vittoria, Elvis Merzlikins ha parato tutto quello che poteva e il Lugano, finalmente, è tornato alla vittoria. Dubitiamo che i tifosi dei bianconeri non abbiano tirato un sospiro di sollievo e non abbiano sorriso ieri sera dopo il successo colto in rimonta a Rapperswil, ma allo stesso momento dubitiamo che qualcuno sia soddisfatto da quanto si è visto sul ghiaccio.

Tra venerdì e sabato il Lugano ha affrontato due squadre in grossa crisi e in difficoltà – Zurigo e Lakers – e non ha fatto certo una bella figura. I punti incamerati sono stati 3, e per come si era messa la serata di ieri vanno benissimo, ma pensare di poter rimontare in ottica playoff sul Friborgo, sull’Ambrì, sugli stessi Lions o sul Ginevra in queste condizioni risulta davvero complicato.

Alla St. Galler Kantonalbank si è comunque visto un gruppo, ancora una volta, che non intende mollare, che nonostante vada sotto in seguito a penalità dubbie (quella rimediata da Chiesa fa quasi ridere)
o meritate, riesce comunque a reagire, a restare attaccato al match, fino a risolverlo con le giocate dei singoli, con il carisma della squadra, nonostante qualche giocatore ancora lontano dal suo rendimento migliore.

Se Lajunen e Bürlger sembrano soltanto lontani parenti di quei giocatori che l’anno scorso potevano decidere una partita da un momento all’altro, ieri a Hofmann è bastato l’unico vero guizzo del weekend per incidere e decidere, a Loeffel è bastata una scorribanda offensiva per farsi trovare pronto all’ennesimo gol consecutivo – il settimo stagionale – e a Merzlikins è bastato ritrovare le giuste sensazioni per risultare nuovamente fondamentale.

La strada è ancora lunga, ripida e complicata, ma non è neanche impossibile: i playoff sono ancora raggiunginili, anche se quanto mostrato nel weekend dalla truppa di Ireland non lascia nessuno tranquillo e sereno. Battere il Friborgo venerdì prossimo, e sperare in qualche passo falso di quelle davanti, sarà fondamentale…

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

C’è il marchio finlandese sulla storia del Lugano

LUGANO - Con l’arrivo di Mikko Koskinen, Oliwer Kaski e Markus Granlund si allunga la lista di giocatori finlandesi ingaggiati dal Lugano. ...
26.07.2022
Sport