Magazine, 06 gennaio 2019

Nega il consenso a foto della figlia sui social: bullizzata dalle altre mamme

La donna è stata insultata nella chat di classe per la sua decisione che ha vietato di fatto la pubblicazione delle foto della recita dei figli

TORINO (Italia) – “Per un pugno di like”, potremmo definirlo così, facendo il verso al più famoso “Per un pugno di dollari”. Ma alla fine la storia è esattamente quella: dopo essersi rifiutata di firmare il consenso al Gpr – le nuove normative sui dati personali – per la figlia, che frequenta una scuola elementare di Torino, una mamma è stata “bullizzata” sulle chat di gruppo dei genitori.

Il motivo è semplice: con il suo mancato consenso, gli altri genitori non potevano condividere sui social le foto di gruppo della classe durante la recita. A confermare il tutto è stata proprio la donna che ha raccontato la situazione a “La Stampa”: “Non volevo che mia figlia
venisse ripresa da chiunque e la mia scelta ha impedito agli altri genitori di pubblicare foto e video sui social. Questo ha innescato attacchi contro di me”. Si è partiti dai messaggi soft come “grazie a te i miei amici di Facebook non potranno vedere mia figlia alla sua prima recita”, fino ad arrivare a insulti veri e propri: “Lo fai perché tua figlia è brutta e ti vergogni e non vuoi che gli altri facciano confronti con i compagni”.

“Non appena si è saputo che non avrei dato il consenso sono stato subissata di messaggi, dichiarazioni sempre più scontrose – ha concluso – Poi quando ho saputo che alcune bambine non giocavano più con mia figlia, ho ceduto e ho firmato”.

Guarda anche 

Si dicono favorevoli ad accogliere un migrante, ma quando gliene viene messo uno davanti si rifiutano

Curioso e simpatico esperimento quello ideato dall'emittente svedese Samnytt TV. In un reportage intitolato "Le persone vogliono davvero ospitare immigrati a cas...
23.03.2019
Mondo

Il presidente del parlamento ungherese in visita al Consiglio nazionale e i socialisti lasciano la sala, "una vergogna"

Il presidente del parlamento ungherese Laszlo Kövér era oggi in visita al Consiglio nazionale a Berna durante la sessione delle Camere federali. Al ...
20.03.2019
Svizzera

Giro di vite contro chi abusa delle assicurazioni sociali, chi fugge all'estero per evitare il carcere non riceverà la pensione

Le assicurazioni sociali dovrebbero essere in grado di bloccare la rendita di un pensionato che è emigrato per fuggire da una condanna in Svizzera, e alcuni ricors...
14.03.2019
Svizzera

Denuncia penale contro una candidata socialista al governo vodese, "il suo incarico era fittizio"

Tre cittadini hanno presentato una denuncia penale contro la candidata al governo vodese Rebecca Ruiz (nella foto) e l'ex consigliera di stato Anne-Catherine Lyon, en...
12.03.2019
Svizzera
x