Magazine, 06 gennaio 2019

Nega il consenso a foto della figlia sui social: bullizzata dalle altre mamme

La donna è stata insultata nella chat di classe per la sua decisione che ha vietato di fatto la pubblicazione delle foto della recita dei figli

TORINO (Italia) – “Per un pugno di like”, potremmo definirlo così, facendo il verso al più famoso “Per un pugno di dollari”. Ma alla fine la storia è esattamente quella: dopo essersi rifiutata di firmare il consenso al Gpr – le nuove normative sui dati personali – per la figlia, che frequenta una scuola elementare di Torino, una mamma è stata “bullizzata” sulle chat di gruppo dei genitori.

Il motivo è semplice: con il suo mancato consenso, gli altri genitori non potevano condividere sui social le foto di gruppo della classe durante la recita. A confermare il tutto è stata proprio la donna che ha raccontato la situazione a “La Stampa”: “Non volevo che mia figlia
venisse ripresa da chiunque e la mia scelta ha impedito agli altri genitori di pubblicare foto e video sui social. Questo ha innescato attacchi contro di me”. Si è partiti dai messaggi soft come “grazie a te i miei amici di Facebook non potranno vedere mia figlia alla sua prima recita”, fino ad arrivare a insulti veri e propri: “Lo fai perché tua figlia è brutta e ti vergogni e non vuoi che gli altri facciano confronti con i compagni”.

“Non appena si è saputo che non avrei dato il consenso sono stato subissata di messaggi, dichiarazioni sempre più scontrose – ha concluso – Poi quando ho saputo che alcune bambine non giocavano più con mia figlia, ho ceduto e ho firmato”.

Guarda anche 

5G, una commissione del nazionale chiede misure

L'introduzione della tecnologia 5G devono essere accompagnata da misure di monitoraggio, che verifichi gli effetti sullas salute. È quanto ha deciso la Commiss...
16.05.2020
Svizzera

Casinò Lugano, non si molla e si resta online!

Nonostante la chiusura a causa della pandemia il Casinò Lugano è sempre attivo sul sito ufficiale, sulle pagine social Facebook e Instagram, sui giornali...
04.05.2020
Ticino

I giovani socialisti manifestano per i migranti in Turchia (e per Ticinonews sono dalla parte giusta della storia)

Ieri pomeriggio "alcune decine" di giovani socialisti si sono riuniti davanti a Palazzo federale per manifestare a favore dei migranti ammassati al confine tra ...
05.03.2020
Svizzera

"La Svizzera non paghi le prestazioni AI dei figli dei rifugiati residenti all'estero"

In merito alla recente sentenza del Tribunale federale (TF) che ha dato diritto ai figli dei rifugiati residenti all'estero di ricevere le prestazioni complementari a...
03.03.2020
Svizzera