Magazine, 06 gennaio 2019

Nega il consenso a foto della figlia sui social: bullizzata dalle altre mamme

La donna è stata insultata nella chat di classe per la sua decisione che ha vietato di fatto la pubblicazione delle foto della recita dei figli

TORINO (Italia) – “Per un pugno di like”, potremmo definirlo così, facendo il verso al più famoso “Per un pugno di dollari”. Ma alla fine la storia è esattamente quella: dopo essersi rifiutata di firmare il consenso al Gpr – le nuove normative sui dati personali – per la figlia, che frequenta una scuola elementare di Torino, una mamma è stata “bullizzata” sulle chat di gruppo dei genitori.

Il motivo è semplice: con il suo mancato consenso, gli altri genitori non potevano condividere sui social le foto di gruppo della classe durante la recita. A confermare il tutto è stata proprio la donna che ha raccontato la situazione a “La Stampa”: “Non volevo che mia figlia venisse ripresa da chiunque e la mia scelta ha impedito agli altri genitori di pubblicare foto e video sui social. Questo ha innescato attacchi contro di me”. Si è partiti dai messaggi soft come “grazie a te i miei amici di Facebook non potranno vedere mia figlia alla sua prima recita”, fino ad arrivare a insulti veri e propri: “Lo fai perché tua figlia è brutta e ti vergogni e non vuoi che gli altri facciano confronti con i compagni”.

“Non appena si è saputo che non avrei dato il consenso sono stato subissata di messaggi, dichiarazioni sempre più scontrose – ha concluso – Poi quando ho saputo che alcune bambine non giocavano più con mia figlia, ho ceduto e ho firmato”.

Guarda anche 

L'Ente LIS (Lugano Istituti Sociali) premia le vacanze in Svizzera dei propri collaboratori 

Quale riconoscimento per il lavoro svolto negli ultimi mesi di pandemia, i dipendenti dell'ente LIS (Lugano Istituti Sociali) verranno premiati con dei rimborsi spese...
16.07.2020
Ticino

“Neg*a di m***a!” sui social: cacciato in tronco

MONDOVÌ (Italia) – Pugno duro: non ha usato mezze misure il Monregale Calcio nei confronti del suo tesserato che si era reso protagonista di un video, divent...
10.07.2020
Sport

Aumentano in tutta la Svizzera le persone in assistenza

A causa della crisi legata al coronavirus, la Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (CSIAS) prevede un aumento di casi sociali. Un leggero aumento...
23.06.2020
Svizzera

Trump firma un decreto che limita la protezione giuridica dei social network, "si comportano in modo partigiano"

Giovedì il presidente americano Donald Trump ha firmato un decreto volto a limitare la protezione giuridica di cui godono attualmente i social network dai contenut...
29.05.2020
Mondo