Sport, 05 gennaio 2019

Sannitz: “Se giochiamo così molli non ne vinciamo una. Müller? Ci ha tenuto in partita”

Il numero 38 del Lugano ha analizzato il KO incassato ieri sera contro l’Ambrì nel derby della Cornèr Arena

LUGANO – Ha rischiato di compiere una rimonta incredibile, tanto da avere più di una volta l’occasione di impattare il risultato, risalendo dall’1-4, ma alla fine il Lugano ha dovuto alzare bandiera bianca e arrendersi in casa per 3-4 al cospetto dell’Ambrì. È stato il primo derby stagionale vinto dalla squadre ospite e tocca ai bianconeri leccarsi le ferite. Bianconeri scesi in pista davvero troppo timorosi nel primo tempo, nonostante le tre vittorie consecutive alle spalle che potevano dare una spinta in più alla truppa di Ireland. “Nei primi 20’ eravamo troppo molli a differenza dell’Ambrì – ha esordito Raffaele Sannitz – Mettevano dischi sulla porta, mettevano pressione e noi non siamo stati bravi neanche ad aiutare il nostro portiere. Poi siamo cresciuti, siamo rientrati, abbiamo reagito, creando occasioni e trovando la via della rete, ma non è bastato”.

A 5’ dalla fine sembravate ormai “morti”, con le spalle al muro. Poi il 2-4 di Hofmann ha riacceso la luce…
Quando crei e non segni, vedi che il tempo passa e invece di riaprire la contesa incassi l’1-4… perdi un po’ i nervi. Chiaramente quella rete ci ha ridato la spinta, tanto da trovare il 3-4, ma non è bastato. Mancava troppo poco tempo.

Elvis non lo si regala a nessuno: la sua assenza si è fatta sentire?
Io ho parlato di portiere, di aiutarlo, ma sarebbe stata la stessa cosa anche se ci fosse stato lui in porta. Dovevamo bloccare più tiri: Müller ha fatto una gran partita, ha fatto diversi interventi importanti e non ha permesso che dilagassero.

Si capisce il tuo e il vostro rammarico per aver perso il derby. Quei 2 gol finali possono darvi un po’ più di fiducia in vista di Ginevra?
Giochiamo nel breve volgere di neanche 24 ore, quindi dobbiamo sicuramente partire da quelli. Oltre a capire che se giochiamo molli prendiamo gol e non ne vinciamo una, se siamo duri e portiamo energia allora le cose cambiano…

Guarda anche 

Reuille: “Che cosa mi preoccupa? La malvagità degli uomini”

LUGANO - Ben 1030 partite disputate con la maglia del Lugano, una decina di apparizioni in nazionale ed un titolo vinto, sempre con l’HCL, nel 2006. La nostra rubri...
17.06.2019
Sport

SONDAGGIO – HCL, una barca in mezzo al lago: sono stati presi “i remi” giusti?

LUGANO – Dopo un lungo silenzio partito con la fine della tribolata stagione dello scorso anno, il Lugano lo scorso mese ha completato quei tasselli che erano rimas...
14.06.2019
Sport

Habemus DS: Hnat Domenichelli al posto di Habisreutinger

LUGANO – Niente Vauclair, niente Hirschi o Reuille, in casa Lugano oggi è il giorno di un’altra vecchia conoscenza: Hnat Domenichelli è il nuovo...
28.05.2019
Sport

DS e mercato in sospeso: c’è ansia tra i tifosi!

LUGANO – Non è momento semplice da decifrare quello che stanno vivendo i tifosi del Lugano, alle prese con una situazione societaria e sportiva davvero unica...
23.05.2019
Sport