Sport, 04 gennaio 2019

Kostner si gode la vittoria e stimola l’Ambrì: “Ottimo primo tempo, ma i minuti finali vanno gestiti”

L’attaccante dei leventinesi ha analizzato il derby vinto per 4-3 in casa del Lugano

LUGANO – C’è voglia di sorridere, c’è voglia di fare festa – giusta, ma moderata – in casa Ambrì dopo il successo colto nel derby disputato questa sera alla Cornèr Arena. Un derby meritatamente vinto dai biancoblù, che hanno rischiato di gettare alle ortiche un triplo vantaggio nel finale quando in pochi secondi hanno incassato le due reti dei padroni di casa che hanno riaperto una contesa. Non una novità per i leventinesi che già a Davos si erano fatti riprendere negli ultimi istanti, prima di cedere il passo ai rigori: “Questi momenti dobbiamo ancora imparare a gestirli – ha commentato uno degli ex turno, Diego Kostner – Non per forza dobbiamo chiudere le partite, ma sicuramente non dobbiamo buttare via i dischi a caso… dobbiamo saper difendere il risultato. Da questo successo dobbiamo imparare anche questo”.

Siete stati bravi a indirizzare subito alla grande la partita, subendo poi un po’ il loro ritorno…
Abbiamo disputato un gran primo tempo, abbiamo creato pressione e grandi occasioni, riuscendo anche a concretizzarle. Ci aspettavamo la loro reazione, lo sapevamo, ma abbiamo avuto lo stesso un po’ di paura, commettendo errori banali.

Eppure l’avevate gestita alla grande fino a 5’ dalla fine…
Sì, ma li abbiamo fatti rientrare: non possiamo aspettarli bassi, altrimenti se prendono velocità diventa impossibile prenderli ed ostacolarli.

Si parla tantissimo di Kubalik… oggi non ha segnato e l’Ambrì ha vinto lo stesso. Ci credete ancora di più ai playoff?
Non scopriamo oggi il suo valore, né l’importanza di ogni singola linea. Chiaro la prima ci sta aiutando tantissimo, ma anche noi altri dobbiamo fare il nostro. Per i playoff il discorso è lungo e complicato: ci sono troppe partite, troppi punti ancora in ballo. Sembrerà una frase fatta, ma pensarci ora avrebbe poco senso…

Guarda anche 

Reuille: “Che cosa mi preoccupa? La malvagità degli uomini”

LUGANO - Ben 1030 partite disputate con la maglia del Lugano, una decina di apparizioni in nazionale ed un titolo vinto, sempre con l’HCL, nel 2006. La nostra rubri...
17.06.2019
Sport

SONDAGGIO – HCL, una barca in mezzo al lago: sono stati presi “i remi” giusti?

LUGANO – Dopo un lungo silenzio partito con la fine della tribolata stagione dello scorso anno, il Lugano lo scorso mese ha completato quei tasselli che erano rimas...
14.06.2019
Sport

Habemus DS: Hnat Domenichelli al posto di Habisreutinger

LUGANO – Niente Vauclair, niente Hirschi o Reuille, in casa Lugano oggi è il giorno di un’altra vecchia conoscenza: Hnat Domenichelli è il nuovo...
28.05.2019
Sport

DS e mercato in sospeso: c’è ansia tra i tifosi!

LUGANO – Non è momento semplice da decifrare quello che stanno vivendo i tifosi del Lugano, alle prese con una situazione societaria e sportiva davvero unica...
23.05.2019
Sport