Opinioni, 13 dicembre 2018

Andrea Censi - Debiti di Campione d'Italia? Deduciamoli dai ristorni dei frontalieri

Il Consigliere Comunale della LEGA Andrea Censi interroga il Municipio di Lugano sulla situazione dell'enclave italiana: "Che i debiti di Campione d’Italia non ricadano sui ticinesi"

Il dissesto finanziario del Comune di Campione d’Italia è una situazione oramai nota a tutti. Dopo il recente fallimento della casa da gioco cittadina, fonte di reddito non indifferente per il Comune stesso, l’enclave italiana è stata infatti commissariata, accumulando importanti debiti per servizi erogati sia dal Cantone che dalla Città di Lugano come pure da altri prestatori di servizi. Debiti che nel corso dei mesi hanno continuato ad accumularsi fino a toccare la cifra vertiginosa di 4 milioni di franchi.

In particolare, nell’enclave italiana, è sorto un problema enorme concernente i servizi forniti dalla Città di Lugano, che riguarda la fognatura e la raccolta dei rifiuti solidi urbani. Infatti è da mesi che Campione d’Italia non paga più le fatture emesse da Lugano in merito all’erogazione di questi servizi, il che come detto ha generato degli scoperti importanti che raggiungono in questo caso i 2 milioni di franchi.

Il problema che si sta presentando all’orizzonte è dunque sotto gli occhi di tutti: la montagna di debiti finora accumulata dall’enclave sta lievitando e presto qualcuno sarà chiamato ad assumersene le conseguenze, Città di Lugano in primis. Ma il dossier Campione, di competenza federale, sembra sia stato preso sotto gamba da Berna.

Al contrario il presidente del Consiglio di Stato Claudio Zali si è dimostrato sensibile a questa situazione, mettendo sul tavolo una proposta concreta: se il Ticino sarà chiamato ad anticipare del denaro per questi servizi offerti a Campione, i relativi importi verranno immediatamente scalati dai ristorni versati all’Italia e vincolati agli stessi.

Alla luce di tutto ciò si chiede al lodevole Municipio quanto segue:

1. Il Municipio di Lugano ha preso coscienza della delicata situazione? È preoccupato?

2. Cosa intende fare l’Esecutivo, in quanto creditore, per incassare il dovuto?

3. Come reputa il Municipio la proposta del Presidente del Governo Zali di dedurre gli importi dei servizi offerti dai ristorni versati all’Italia?

4. Il Comune si farà parte attiva per sostenere la proposta del Presidente Zali?

Guarda anche 

"I ticinesi non si sono piegati al diktat dell'UE"

La Lega dei Ticinesi, in un comunicato trasmesso ai media, prende posizione sull'esito della votazione concernente la ripresa della direttiva UE sulle armi, ripresa c...
19.05.2019
Ticino

È un Lugano pronto…a tifare Basilea!

BERNA - Il campionato di Super League è fermo, il pallone questa domenica non rotolerà sui campi del campi del massimo campionato svizzero di calcio, m...
19.05.2019
Sport

A lezione da Gerndt: il Lugano, salvo, a 180’ da un sogno chiamato Europa

LUGANO – Dobbiamo fare mea culpa e chiedere scusa un po’ a tutti ad Angelo Renzetti. Ebbene sì, perché un po’ tutti quando il presidente d...
17.05.2019
Sport

Disoccupazione dei frontalieri, per Berna è troppo presto per intervenire

Nella Berna federale ci si interroga sulle conseguenze di un'eventuale adozione della riforma sulla disoccupazione dei frontalieri tuttora in discussione a Bruxelles....
16.05.2019
Svizzera