Mondo, 13 dicembre 2018

Prodigi del multiculturalismo svedese, la TV di stato trasmette uno spot in cui avverte dei danni causati dalle granate

Lunedì, la televisione pubblica svedese SVT ha informato in uno spot i suoi telespettatori del danno che le bombe a mano possono causare.

Lo spot è stato ampiamente deriso sui social media perché solitamente, sotto Natale, i media avvertono la popolazione sui possibili danni causati dalle candele poste sugli alberi di Natale.

Ma la sensibilizzazione su SVT è stata leggermente diversa quest'anno, con uno spot in cui si vede una famiglia composta da manichini viene fatta esplodere da una bomba a mano nella loro cucina.

"I criminali svedesi usano sempre più le bombe a mano - una tendenza che espone i civili innocenti a un grande pericolo... Quando viene lanciata una granata vi è un'area di pericolo di circa 300 metri intorno all'esplosione" è il commento audio che accompagna lo spot.

Dopo altre immagini che mostrano i danni causati dalle granate, viene intervistato un soldato svedese a cui viene posta la domanda: “Le granate possono essere letali?”, domanda a cui il militare risponde in modo affermativo (ci chiediamo chi possa avere dubbi in merito...).

Come detto, lo spot è stato ampiamente deriso sui sociali media. "In passato la televisione mostrava quali danni può causare una candela di Natale lasciata accesa", scrive un utente. "I tempi sono decisamente cambiati, per non dire altro", scrive un altro.

Ironia a parte, i casi di esplosioni causati da granate sono una triste particolarità della Svezia emersa negli ultimi anni, con un totale di 116 esplosioni registrate negli ultimi otto anni, alcuni dei quali con esito fatale. Un articolo pubblicato sulla versione inglese di wikipedia (clicca qui) ha recensito tutte le esplosioni dal 1993 a oggi.

Lo spot in questione è disponibile sul sito della SVT ed è accessibile cliccando qui.

Guarda anche 

Düsseldorf: Violentano una 22enne in un parco pubblico, arrestati quattro migranti

Quattro uomini sono stati arrestati per aver violentato una donna di 22 anni in un parco pubblico di Düsseldorf, in Germania. I sospettati hanno tra i 18 e i 34 anni...
21.11.2019
Mondo

San Gallo, richiedente l'asilo aggredisce autista di un autobus e cerca di fuggire con il mezzo

Un 29enne richiedente l'asilo somalo ha aggredito sabato mattina nel canton San Gallo l'autista di un autobus su cui era salito. Come riferisce il "Blick&quo...
21.11.2019
Svizzera

“La Svezia e le 100 esplosioni”, anche i mass media si accorgono del fallimento del multiculturalismo svedese

Quando il presidente americano Donald Trump menzionò, durante un comizio nel febbraio 2017, la Svezia quale esempio di paese occidentale rovinato dall'immigraz...
14.11.2019
Mondo

Austria: Migranti inscenano delle finte esecuzioni, "la popolazione ha paura"

"Ci sono stati degli spari: molte persone li hanno sentiti nel quartiere, sono i giovani immigrati che giocano alla guerra nel nostro Grätzel", racconta un...
12.11.2019
Mondo