Sport, 08 dicembre 2018

Ruggito bianconero: pronta la replica leventinese?

Questa sera si disputerà il secondo derby di fila, dopo quello che ha visto ieri il Lugano imporsi per 5-3 alla Cornèr Arena. Dopo esser apparso meno lucido del solito, l’Ambrì ha la possibilità di rifarsi in casa

LUGANO – Sembrava esserci un chiaro favorito (l’Ambrì) e una chiara squadra in difficoltà (il Lugano). Sembrava esserci una formazione in grado di farsi gol da sola (incredibile l’autogol realizzato da Merzlikins) e una a cui nell’ultimo periodo girava tutto bene e a cui sembrava riuscire tutto facilmente. E invece, ancora una volta l’hockey ha fatto capire che difficilmente si possono fare pronostici così esatti, perché poi il ghiaccio parla ed è in grado di sovvertire tutto.

Sì perché nel primo derby del weekend il Lugano ci ha messo più voglia, più grinta, più rabbia, lottando su ogni disco, uscendo vincitore nei vari duelli personali, al cospetto di un Ambrì che, forse anche più sereno dopo le quattro vittorie di fila centrate in campionato, ha mostrato meno mordente e un braccino che in pochi si aspettavano.

È stato un derby ticinese, quello di ieri, deciso dai ticinesi: Bertaggia e Fazzini (doppietta) hanno spaccato la partita, Chiesa e il ticinese di adozione Hofmann – nonostante il suo futuro passaggio allo Zugo – hanno dato una marcia in più alla truppa di Ireland che, giocando la partita che ci si poteva aspettare fatta di forza fisica e determinazione, ha così fatto le prove per un rilancio in classifica.
L’Ambrì, invece, ha deluso per non aver giocato con quella ferocia e convinzione con le quali aveva stupito tutti nelle scorse settimane, mancando in aggressività e nel pattinaggio, non mostrando la solita fame.

Non sarà stato un derby bellissimo e indimenticabile, ma è stato un derby che ha regalato 3 punti d’oro al Lugano e, forse, un po’ di serenità in più. Questa sera si replica alla Valascia: per l’Ambrì è la chiamata d’appello dopo il passo falso di ieri, per i bianconeri il possibile punto di svolta. Chi vincerà potrà godersi una domenica serena sopra la linea, chi perderà dovrà nuovamente leccarsi le ferite…

Guarda anche 

Reuille: “Che cosa mi preoccupa? La malvagità degli uomini”

LUGANO - Ben 1030 partite disputate con la maglia del Lugano, una decina di apparizioni in nazionale ed un titolo vinto, sempre con l’HCL, nel 2006. La nostra rubri...
17.06.2019
Sport

SONDAGGIO – HCL, una barca in mezzo al lago: sono stati presi “i remi” giusti?

LUGANO – Dopo un lungo silenzio partito con la fine della tribolata stagione dello scorso anno, il Lugano lo scorso mese ha completato quei tasselli che erano rimas...
14.06.2019
Sport

Habemus DS: Hnat Domenichelli al posto di Habisreutinger

LUGANO – Niente Vauclair, niente Hirschi o Reuille, in casa Lugano oggi è il giorno di un’altra vecchia conoscenza: Hnat Domenichelli è il nuovo...
28.05.2019
Sport

DS e mercato in sospeso: c’è ansia tra i tifosi!

LUGANO – Non è momento semplice da decifrare quello che stanno vivendo i tifosi del Lugano, alle prese con una situazione societaria e sportiva davvero unica...
23.05.2019
Sport