Mondo, 06 dicembre 2018

Nella Germania di Angela Merkel dove i mercatini di Natale sembrano basi militari

Galleria fotografica

Dopo l'attacco terroristico del 19 dicembre 2016 in cui un terrorista islamico uccise 11 persone e ne ferì 56 guidando un camion in un mercatino di Natale a Berlino, le autorità tedesche da allora hanno cominciato a recintare ogni mercatino di Natale con dei blocchi di cemento, che la popolazione tedesca ha soprannominato "Merkellego" per la loro forma che richiama i celebri mattoncini.

Il problema è che se da una parte questi blocchi di cemento potranno probabilmente evitare che dei veicoli entrino nei mercatini, dall'altra il loro effetto politico e psicologico è evidente, dal momento che ricorda alla popolazione i problemi di criminalità e terrorismo che il paese deve far fronte in seguito al arrivo massiccio di immigrati negli scorsi anni.

E così diverse municipalità
hanno deciso di rendere più creative le misure di sicurezza ai mercatini di Natale in modo che almeno dal lato visivo la scena a cui i tedeschi si trovano di fronte quando visitano i mercatini di Natale non sia deprimente quanto lo è stato negli scorsi due anni. Come a Ulm, in Baviera, dove le autorità hanno trasformato gli ormai tristemente celebri e politicizzati "merkellego" in blocchi di cemento a forma di uccello. Soluzioni meno felici a Berlino dove per nascondere, o decorare, i blocchi di cemento si è posto un albero di natale davanti. Nella gallery allegate trovate varie soluzioni con cui le autorità tedesche hanno cercato di minimizzare gli effetti visivi delle misure di sicurezza con soluzioni creative più o meno riuscite.

(Fonte foto: voiceofeurope.com, Twitter)
Galleria fotografica

Guarda anche 

Migrante deruba un'anziana, lei cade e muore qualche giorno dopo

La polizia tedesca ha arrestato giovedì scorso un giovane migrante sospettato di aver derubato almeno nove persone anziane. Tra le vittime, l'88enne Ilse K. (n...
25.03.2019
Mondo

Revoca della cittadinanza ed espulsione dei terroristi islamici, il Belpaese ci bagna il naso?

Il nome di Abderrhaim Moutaharrik alle nostre latitudini suonerà familiare. Non solo per l’avanzata islamista che ha portato alla diffusione di nomi analoghi...
25.03.2019
Svizzera

Lui l'accusa di aver pubblicato i loro filmati hard online, per lei si è inventato tutto per vendicarsi

Un quarantenne kosovaro accusa la sua ex compagna di averlo ricattato pubblicando online i loro video intimi, lei invece sostiene che lui sta mentendo per vendicarsi. &Eg...
22.03.2019
Svizzera

Aveva aggredito una dipendente di un centro per richiedenti l'asilo fino a farle perdere un occhio, condannata a 18 anni di carcere

Il tribunale cantonale di Zurigo ha condannato martedì una richiedente l'asilo per tentato omicidio ad una reclusione di 18 anni, confermando così il ve...
21.03.2019
Svizzera
x