Mondo, 28 novembre 2018

Lo squat "più grande d'Europa" si trova nell'ex villaggio olimpico di Torino, "qui la polizia non entra"

foto fdesouche.com
Alla periferia di Torino, dove una volta c'era il villaggio olimpico, c'è uno squat gigantesco, che qualcuno ha definito "il più grande d'Europa". Lo si scopre grazie ad un reportage del quotidiano italiano "Il Giornale", che con una camera nascosta mostra lo stato fatiscente del quartiere torinese.


Gli occupanti, praticamente tutti migranti clandestini, hanno occupato negli scorsi anni tre edifici che furono costruiti per ospitare gli atleti ai Giochi Olimpici Invernali del 2006. Un mondo a sé stante che si estende su sei piani e scivola nelle profondità del seminterrato . In tutto, circa mille migranti vivono qui in condizioni igieniche e sanitarie pessime.


Un censimento preciso è impossibile, anche per le autorità. Sappiamo solo che il 95% sono uomini di età compresa tra 25 e 35 anni, molti dei quali sono clandestini, provenienti da Gambia, Mali e soprattutto dalla Nigeria.

I centri sociali hanno sostenuto questa occupazione illegale per anni e, a Torino, formano un asse in collaborazione con i migranti, quella che chiamano "resistenza" contro sgomberi ed espulsioni .

Il leader locale del Partito Democratico, Davide Ricca, commentà così la situazione: "I problemi più urgenti sono nel seminterrato dove si nasconde un covo di ricettazione e illegalità. I migranti sono stati espulsi ma presto hanno rioccupato i locali".

(...) "Non ho documenti, come tanti altri qui. Sono qui da quattro mesi, vivo negli scantinati ", spiega Bakar. Eppure il mondo sotterraneo del Villaggio Olimpico è stato espulso un anno fa. Le porte in acciaio installate come protezione sono state tuttavia distrutte e il vecchio mondo si è trasferito lì. Una massa infinita di oggetti, pneumatici e spazzatura gettati per terra.

Per gli italiani che ancora abitano nelle vicinanze, la situazione non è delle migliori. "ho subito una flessione del 30% dei clienti: legga le recensioni sui siti, scrivono che qui è come il Bronx" commenta il proprietario di un hotel. Le autorità locali intanto latitano, complice anche una decisione del tribunale che ha vietato al proprietario di liberare gli spazi di sua proprietà.

Entro un anno il comune punta a liberare un'altra palazzina, la seconda di quattro, non prima di aver trovato una sistemazione per tutti. Tante le difficoltà. A dicembre scorso il project manager che gestisce il progetto era stato preso a pugni. Gli uffici dei mediatori scassinati e danneggiati. Chiusi e riaperti dopo mesi ma, per ragioni di sicurezza, fuori dal villaggio.   

Guarda anche 

"Al Consiglio federale piace farsi prendere in giro dall’Italia? A noi no"

"Sconcerto, ma nessuna sorpresa". La Lega dei Ticinesi, in un comunicato trasmesso ai media, prende posizione sulla risposta del Consiglio federale all'inte...
14.02.2019
Ticino

Tenevano i figli rinchiusi in una gabbia in condizioni orribili, arrestati

Lo scorso martedì, la polizia della contea di Wise, nel nord del Texas, è stata chiamata per un incidente domestico in una casa descritta come una specie di...
14.02.2019
Mondo

Il teletext mette in risalto l'Italia invece che la Svizzera, “evidentemente per la RSI lo stato di riferimento è l'Italia”

Sabato scorso il teletext della RSI metteva in risalto l'Italia nella classifica delle medaglie dei mondiali di sci di Are. Di norma, nelle competizioni internazional...
11.02.2019
Ticino

Elezioni in Abruzzo: Stravince la Lega, crollano sinistra e 5 Stelle

Le elezioni regionali in Abruzzo, regione del centro Italia, sono state ampiamente vinte dal centrodestra, con il suo candidato Marco Marsilio (in mezzo a Giorgia Meloni ...
11.02.2019
Mondo