Sport, 25 novembre 2018

Sgozzato (e forse evirato): l’atroce morte del 24enne Freitas

L’autopsia ha chiarito le cause del decesso del giocatore brasiliano, ma non ha potuto stabilire se quando è stato evirato fosse ancora vivo

SAN JOSÉ DOS PINHAIS (Brasile) – Emergono sempre nuovi dettagli relativi all’assurda morte di Daniel Freitas, il 24enne giocatore brasiliano del Sao Bento, trovato morto in un boschetto nello stato brasiliano del Paranà. L’autopsia effettuata ha infatti stabilito che ad ucciderlo sia stata una pugnalata ricevuta al collo: “La parziale decapitazione è stata la causa del decesso – ha spiegato in conferenza stampa il diretto dell’Istituto medico-legale locale, Paulino Pastra – ma non si è capito se sia stato evirato mentre era ancora in vita”.

Per l’atroce delitto sono state fermate sette persone, tra cui Edison Brittes Junior, l’esecutore materiale dell’atto che ha spiegato di averlo ucciso perché avrebbe tentato di violentare la moglie, Cristiana Brittes, anch’essa arrestata.

Le autorità non riescono ancora trovare conferme in merito a questa situazione: l’unica cosa sicura è che Freitas fosse nella camera da letto della donna mentre dormiva e che ha fatto alcune foto che ha condiviso tramite Whatsapp con alcuni amici. L’ex calciatore si trovava in quella casa per partecipare al 18esimo compleanno della figlia della coppia, anche lei arrestata, ed è stato scoperto in camera dal marito che, dopo averlo ferito mortalmente, lo ha portato in auto fino al bosco dove è stato trovato morto il 27 ottobre, mutilato, evirato e con segni di tortura che neanche l’autopsia è riuscito a capire se subite quando era ancora vivo.

Guarda anche 

VIDEO – A 14 anni lancia un appello a Mihajlovic: “Ho la leucemia, ti aspetto in ospedale e vinciamo assieme questa battaglia”

BOLOGNA (Italia) – “Da martedì sarò in ospedale, non vedo l’ora di cominciare, perché prima comincio e prima finisco”. Cos&ig...
16.07.2019
Sport

L’Inter gioca a Lugano, Icardi gioca con i figli… Wanda si blocca nel lago di Como. Salvata dall’acqua

COMO (Italia) – Domenica si è chiusa la prima parte del ritiro estivo dell’Inter, quella vissuta a Lugano, tra Villa Sassa e Cornaredo, che ha avuto co...
16.07.2019
Sport

“Mancata la freschezza, ma dopo 4 settimane di preparazione…”

LUGANO – Ci ha pensato Mijat Maric, il veterano, il capitano, a fotografare la sfida giocata dal Lugano e persa per 2-1 contro l’Inter, valida per la Casin&og...
15.07.2019
Sport

Celestini tira le orecchie ai suoi: “È mancata la cattiveria che serviva”

LUGANO – È un Fabio Celestini pronto a dire la sua, a rispondere alle domande dei giornalisti e a mettere i puntini sulle i” sotto tutti i punti di vis...
14.07.2019
Sport