Opinioni, 23 novembre 2018

Mattia Melera – Nave Aquarius sotto sequestro, eppure in Svizzera…

L’Aquarius, nave della ONG Medici Senza Frontiere dedita al salvataggio di migranti nel Mediterraneo, è tornata a far parlare di sé. Alcuni quotidiani italiani hanno diffuso negli scorsi giorni la notizia secondo cui la procura di Catania avrebbe disposto il sequestro dell’imbarcazione, ormeggiata ormai da settimane nel porto di Marsiglia.
Questa volta, però, tale decisione sembrerebbe essere tutt’altro che ingiustificata.
Stando al quotidiano “La Repubblica”, Medici Senza Frontiere è infatti sospettata di aver smaltito illegalmente ben 24 tonnellate di rifiuti potenzialmente infetti da scabbia, tubercolosi, meningite ed HIV. Insomma, una potenziale arma biologica è stata più volte trattata senza le dovute misure di sicurezza, alla stregua di quanto avviene con dei normali rifiuti.
Quanto accaduto sembrerebbe senza dubbio accreditare l’opinione di chi ritiene lo sbarco dei migranti un rischio per la salute dell’Europa intera, ma al contempo solleva una marea (è il caso di usare questa metafora) di ulteriori interrogativi.
Come i più attenti ricorderanno, verso la fine di settembre l’Aquarius era rimasta senza bandiera, dal momento che Panama aveva deciso di non più concederle il proprio vessillo nazionale.
Ovviamente, una fetta della pimpante sinistra svizzera aveva deciso di intervenire, proponendo per mezzo di una petizione di concedere la bandiera rossocrociata alla sopracitata imbarcazione. Fra i capifila di tale operazione non poteva mancare Ada Marra, colei che addirittura negò l’esistenza della Svizzera durante la nostra festa nazionale. Oltre alla consigliera nazionale vodese, la petizione era stata massicciamente supportata da vari esponenti della sinistra nostrana, pronti a mettere in gioco la credibilità del nostro paese nel nome dell’accoglienza sfrenata.
Ma coloro i quali hanno sottoscritto tale petizione si sono almeno resi conto del danno di immagine che avrebbero potuto cagionare alla Svizzera?
Una cosa è certa, fosse stato per questi individui la confederazione elvetica avrebbe concesso la propria bandiera ad una nave che parrebbe aver violato le più elementari norme igieniche, mettendo potenzialmente a rischio la salute dell’Europa intera.
Eppure, il primo di aprile è passato da un pezzo…

Mattia Melera

Guarda anche 

Giovani Comunisti e l'incoerenza ideologica

In data 8 aprile 2020, proprio mentre si stava iniziando ad intravvedere il picco dell’emergenza sanitaria, la Gioventù Comunista Svizzera ha deciso di cogli...
11.04.2020
Opinioni

Polarizzazione fra i giovani? Prevedibile da tempo!

Il Il tema della polarizzazione fra i giovani è sempre più alla ribalta in Ticino, spinto soprattutto dai media che ne parlano in modo crescente.  ...
14.01.2020
Opinioni

Mattia Melera e Marco Grassi - L’Islam, fra politicamente corretto e controversie

Il numero di musulmani in Europa non è mai stato così alto come negli ultimi tempi. Come facilmente immaginabile, la stessa tendenza è in atto anche ...
04.11.2019
Opinioni

10 anni di Giovani Leghisti, 10 anni di coraggio

Era il 4 ottobre 2009 quando venne fondato il Movimento Giovani Leghisti, agli inizi pochi erano i giovani attivi che ebbero il coraggio di dichiararsi leghisti. La parol...
04.10.2019
Ticino