Sport, 02 novembre 2018

Merzlikins: “3-4 anni fa urlavo o mi esaltavo per nulla, ora so che devi vincere o perdere da campione”

Il portiere del Lugano ha rilasciato un’intervista molto interessante, nella quale ha parlato della sua crescita mentale: “Determinanti il mental coach, Hnat, Shedden e Ireland. Per crescere devi farlo passo passo”

LUGANO – Mai banale, mai semplice, Elvis Merzlikins in questi anni è cresciuto tanto, tantissimo, non solo sul ghiaccio, non solo come portiere – tanto da vedere ormai da vicino la NHL nel proprio futuro – quanto come uomo, come persona, diventando sempre più maturo anche dal punto di vista mentale.

A dimostrazione di questa crescita, di questa evoluzione, molto interessante è risultata l’intervista rilasciata ai colleghi di “theathletic.com”. Merzlikins ha voluto parlare della sua crescita, non tanto tra i pali, ma soprattutto a livello mentale: “Sono cresciuto molto, anche perché prima mi basavo tanto sull’aver fatto bene o male sul ghiaccio e poi rischiavo di gasarmi o di buttarmi giù e prendermela con me stesso – ha esordito – In questa crescita sono stati decisivi il mio mental coach, Hnat Domenichelli, Shedden e Ireland che mi hanno trattato come un figlio, mi hanno insegnato tanto”.

Il giovane lettone, a dispetto della sua giovane età, parla come un adulto, come un giocatore e una persona navigata. “Tre-quattro anni fa mi esaltavo facilmente per una bella prestazione, per una vittoria. Ora ho capito che non serve a nulla: sia se vinci, sia se perdi, la partita è finita e non puoi cambiare più nulla di quello che hai fatto, puoi solo pensare e prepararti per la prossima sfida.
Devi crescere e capire che devi vincere come un campione e devi saper perdere come un campione, dando sempre il 100% di quello che sai fare”, sono state le sue parole.

Elvis, ovviamente, punta in alto, sa che a Lugano, così come a Columbus nel suo futuro conta e conterà vincere perché “perdere non è mai bello, io per esempio odio perdere, ma può capitare e questo l’ho capito e sono maturato. Qualche anno fa se avessi subito 2-3 gol nel primo periodo di una partita, magari avrei rotto il bastone, avrei urlato e mi sarei arrabbiato, ora sono più calmo perché ho capito che non posso fare queste sceneggiate – ha spiegato – Tutti possono sbagliare, siamo una squadra e ci aiutiamo durante le partite. Se la mia difesa non riesce a contenere una ripartenza, tocca a me intervenire parando, ma loro fanno lo stesso con me, magari liberando lo slot oppure intercettando tantissimi tiri. Siamo una squadra ed è così che ci si deve comportare”.

Il numero 30 bianconero, infine, ha chiuso l’intervista regalando una descrizione della vita e della carriera di un giocatore davvero perfetta. “Tutti vorremmo fare 2-3 step di colpo verso l’alto per migliorare, ma è impossibile. O meglio, puoi farlo, ma prima o poi cadi. Per crescere devi farlo passo dopo passo, ci devi mettere il giusto tempo”.

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

C’è il marchio finlandese sulla storia del Lugano

LUGANO - Con l’arrivo di Mikko Koskinen, Oliwer Kaski e Markus Granlund si allunga la lista di giocatori finlandesi ingaggiati dal Lugano. ...
26.07.2022
Sport