Sport, 02 novembre 2018

Merzlikins: “3-4 anni fa urlavo o mi esaltavo per nulla, ora so che devi vincere o perdere da campione”

Il portiere del Lugano ha rilasciato un’intervista molto interessante, nella quale ha parlato della sua crescita mentale: “Determinanti il mental coach, Hnat, Shedden e Ireland. Per crescere devi farlo passo passo”

LUGANO – Mai banale, mai semplice, Elvis Merzlikins in questi anni è cresciuto tanto, tantissimo, non solo sul ghiaccio, non solo come portiere – tanto da vedere ormai da vicino la NHL nel proprio futuro – quanto come uomo, come persona, diventando sempre più maturo anche dal punto di vista mentale.

A dimostrazione di questa crescita, di questa evoluzione, molto interessante è risultata l’intervista rilasciata ai colleghi di “theathletic.com”. Merzlikins ha voluto parlare della sua crescita, non tanto tra i pali, ma soprattutto a livello mentale: “Sono cresciuto molto, anche perché prima mi basavo tanto sull’aver fatto bene o male sul ghiaccio e poi rischiavo di gasarmi o di buttarmi giù e prendermela con me stesso – ha esordito – In questa crescita sono stati decisivi il mio mental coach, Hnat Domenichelli, Shedden e Ireland che mi hanno trattato come un figlio, mi hanno insegnato tanto”.

Il giovane lettone, a dispetto della sua giovane età, parla come un adulto, come un giocatore e una persona navigata. “Tre-quattro anni fa mi esaltavo facilmente per una bella prestazione, per una vittoria. Ora ho capito che non serve a nulla: sia se vinci, sia se perdi, la partita è finita e non puoi cambiare più nulla di quello che hai fatto, puoi solo pensare e prepararti per la prossima sfida. Devi crescere e capire che devi vincere come un campione e devi saper perdere come un campione, dando sempre il 100% di quello che sai fare”, sono state le sue parole.

Elvis, ovviamente, punta in alto, sa che a Lugano, così come a Columbus nel suo futuro conta e conterà vincere perché “perdere non è mai bello, io per esempio odio perdere, ma può capitare e questo l’ho capito e sono maturato. Qualche anno fa se avessi subito 2-3 gol nel primo periodo di una partita, magari avrei rotto il bastone, avrei urlato e mi sarei arrabbiato, ora sono più calmo perché ho capito che non posso fare queste sceneggiate – ha spiegato – Tutti possono sbagliare, siamo una squadra e ci aiutiamo durante le partite. Se la mia difesa non riesce a contenere una ripartenza, tocca a me intervenire parando, ma loro fanno lo stesso con me, magari liberando lo slot oppure intercettando tantissimi tiri. Siamo una squadra ed è così che ci si deve comportare”.

Il numero 30 bianconero, infine, ha chiuso l’intervista regalando una descrizione della vita e della carriera di un giocatore davvero perfetta. “Tutti vorremmo fare 2-3 step di colpo verso l’alto per migliorare, ma è impossibile. O meglio, puoi farlo, ma prima o poi cadi. Per crescere devi farlo passo dopo passo, ci devi mettere il giusto tempo”.

Guarda anche 

1 solo punto: ma che Lugano a Neuchâtel! E la cessione è a un passo

NEUCHÂTEL - Terzo risultato utile consecutivo, malgrado le assenze importanti di Bottani, Junior, Gerndt, Rodriguez, Sabbatini e Maric...
08.12.2019
Sport

Natale si avvicina: Renzetti porterà in dono la cessione del club?

LUGANO – La classifica è tornata a sorridere, in attesa dell’importantissima trasferta di domani a Neuchâtel, e in casa Lugano si è tornat...
06.12.2019
Sport

Fiocchi, bocce e luci al Casinò Lugano

È proseguita a novembre la promozione iniziata a ottobre “Nati con la Camicissima” che attraverso un gioco digitale metteva in palio tantissime camicie...
05.12.2019
Ticino

SONDAGGIO – Il Friborgo salva (forse) Kapanen: cosa fare con l’head coach?

LUGANO – Forse in casa Lugano nessuno lo dirà, ma in tanti – Sami Kapanen  su tutti – martedì sera dopo la pesantissima vittoria di F...
05.12.2019
Sport