Sport, 02 novembre 2018

Weekend da bollino rosso: Lugano e Ambrì necessitano di risposte

In vista della pausa per le nazionali, le due ticinesi scendono in pista con la necessità di continuare la propria rincorsa verso i playoff

LOSANNA/AMBRÌ – Non si preannuncia un weekend semplice per le due ticinesi impegnati nel massimo campionato nazionale di hockey: Lugano e Ambrì, infatti, si affacciano al fine settimana con un obiettivo comune, trovare spazio sopra la riga, e con altri diversi: i bianconeri devono continuare nella striscia positiva fatta di tre successi filati, i leventinesi, invece, devono riprendersi dalla scoppola di Bienne e dalle tre partite consecutive in cui è mancata la vittoria.

Sembra essersi ribaltato di colpo tutto in una settimana, o poco meno. Fino a venerdì scorso sembrava l’Ambrì la squadra a veleggiare a gonfie vele e il Lugano quello in difficoltà, ma negli ultimi sette giorni i ruoli si sono completamente ribaltati, tanto è vero che i bianconeri hanno raggiunto i cugini in classifica per quanto concerne i punti, ma li precedono in graduatoria generale.

La truppa di Ireland, rinfrancata dai 9 punti colti contro Davos e Berna, questa sera affronterà una trasferta davvero complicata, quella di Losanna. I vodesi, sembravano anche loro in difficoltà, prima di centrare tre vittorie di fila nell’arco di pochissimi giorni; Nodari e compagni, inoltre, in casa hanno vinto 4 delle 7 partite disputate – di cui due nelle ultime due uscite tra le mura amiche – mentre i luganesi hanno trovato il loro primo successo esterno sabato a Davos. Come se non bastasse, ecco che sabato alla Cornèr Arena sbarcherà lo Zurigo. Uno Zurigo anch’esso in crisi di identità, tanto che nelle ultime cinque partite ha battuto due volte soltanto il fanalino di coda Rapperswil. I Lions stanno segnando poco e subisono abbastanza, ma mai darli per “morti”, perché i campioni in carica la zampata sanno sempre darla. In casa bianconera bisognerà valutare le condizioni di Fazzini uscito malconcio dalla sfida di martedì contro gli Orsi.

Anche il compito dell’Ambrì non si preannuncia per nulla facile. Vincere alla Valascia deve rappresentare un must per i ragazzi di Cereda, che devono assolutamente reagire per dimostrare che il loro vero volto non è quello “ammirato” a Bienne. L’head coach dopo la scoppola subita non ha usato giri di parole e ora starà a Kubalik e compagni dare segnali di riscossa contro il temibilissimo e lanciatissimo Langnau: i Tigers sono forse la squadra del momento, capace di imporsi in 4 delle ultime 5 partite disputate, e di portarsi in seconda posizione in classifica! Sabato poi i biancoblù dovranno subirsi la lunga trasferta di Ginevra, prima di scendere in pista a Les Vernets dove affronterà le Aquile in caduta libera. 3 KO consecutivi, uno addirittura a Rapperswil, stanno a indicare le difficoltà che stanno vivendo in questo momento i ragazzi di McSorley. Fora e compagni dovranno essere bravi a non farli rialzare.

Guarda anche 

Una Russia marziana, la Svizzera deve restare ancorata a terra

BRATISLAVA (Slovacchia) – Un famoso luogo comune dell’hockey recita che la Russia è capace del meglio come del peggio, dipende da come la Red Machine s...
20.05.2019
Sport

È un Lugano pronto…a tifare Basilea!

BERNA - Il campionato di Super League è fermo, il pallone questa domenica non rotolerà sui campi del campi del massimo campionato svizzero di calcio, m...
19.05.2019
Sport

La strada è tracciata, ma alla Svizzera manca l’ultimo passo

BRATISLAVA (Slovacchia) – Dopo l’incredibile argento di Copenaghen, dopo l’ottimo avvio del Mondiale slovacco, la Svizzera aveva bisogno di capire di ch...
19.05.2019
Sport

A lezione da Gerndt: il Lugano, salvo, a 180’ da un sogno chiamato Europa

LUGANO – Dobbiamo fare mea culpa e chiedere scusa un po’ a tutti ad Angelo Renzetti. Ebbene sì, perché un po’ tutti quando il presidente d...
17.05.2019
Sport