Sport, 31 ottobre 2018

L’Ambrì vede le streghe, una serata da dimenticare

Bienne devastante, biancoblù annichiliti: la sfida della Tissot Arena deve essere dimenticata al più presto

Instagram hcap_official
AMBRÌ – Questa sera è la notte di Halloween, ma l’Ambrì la sua serata di paura l’ha già vissuta ieri, quando alla Tissot Arena non ci ha praticamente capito nulla al cospetto del Bienne. Analizzare lo 0-6 incamerato è davvero complicato, perché è impossibile trovare un particolare da salvare, mentre sarebbe ancora più difficile elencare ciò che davvero non ha funzionato.

Che l’atteggiamento di Manzato e compagni non fosse dei migliori e che la buona sorte ieri sera guardasse da un’altra parte lo si è capito subito. Non solo dopo la rete di Neuenschwander, ma soprattutto in occasione del 2-0 e del 3-0: se Kubalik non riesce a firmare il pari e di tutta risposta Lüthi raddoppia sul prosieguo dell’azione, e se poi Brunner segna da dietro la porta, significa proprio che la serata è una di quella da dimenticare.

Come detto, l’atteggiamento messo sul ghiaccio dai leventinesi non è stato dei migliori, ma è anche vero – ma questo non va preso come scusante – che questo Bienne è davvero tremendo. In powerplay non sbaglia un colpo, in boxplay non subisce una rete neanche sotto tortura. Hiller ha potuto festeggiare il secondo shutout stagionale, mentre i Seelanders possono gustarsi il primo posto solitario, davanti al sorprendente Langnau.

L’Ambrì, invece, deve leccarsi le ferite, cercare di dimenticare l’uragano-Bienne e la scoppola subita, cercando di imparare se è possibile dagli errori in vista di venerdì, quando alla Valascia arriveranno i Tigers, anche perché ora i leventinesi si trovano sotto la riga.

Guarda anche 

Dal Lugano all'Ambrì: "Sono pronto a far parte del mondo leventinese"

LUGANO - La notizia dell’ingaggio di Jörg Eberle tecnico giovanile dell’Ambrì Piotta non ha lasciato insensibili tifosi bianconeri ...
13.07.2020
Sport

HCAP: “Una bellissima stagione, complimenti alle ragazze!

AMBRÌ - Dmitri Tsygourov è personaggio molto conosciuto negli ambienti hockeistici nazionali. Arrivato nel 1996 come straniero di “rise...
16.03.2020
Sport

Nessun campione, nessuna retrocessione, nessun vinto e nessun vincitore: l’hockey si ferma così

ITTIGEN – Il verdetto tanto atteso è arrivato: la stagione hockeystica 2019/20 si chiude senza post season e senza titolo: in modo mesto, per carità, ...
13.03.2020
Sport

“Campionato finito, peccato. Era solo una questione di tempo prima che Il virus arrivasse anche nell’hockey”. Parola di Paolo Duca

AMBRÌ – Niente hockey, niente playoff, niente playout: insomma, niente post season. Dopo aver duellato sul ghiaccio per 50 lunghe, estenuanti e importantissi...
13.03.2020
Sport