Mondo, 22 ottobre 2018

Folla di migranti verso gli USA, l'ira di Trump

Una folla di migranti, quasi tutti cittadini dell'Honduras, si sta dirigendo verso nord in direzione degli Stati Uniti. È l'ultimo, e certamente il più grande, gruppo di migranti che si è formato per fare il viaggio verso gli USA.

Il fiume di persone sta creando non poca agitazione negli USA e la questione sta dominando la scena mediatica in questi giorni, suscitando tra l'altro l'ira del presidente Trump che aveva fatto della lotta all'immigrazione illegale uno dei suoi cavalli di battaglia. Come riferito da lui stesso su Twitter, ha avvertito i paesi del centro America (Guatemala, Honduras e El Salvador) da dove provengono e passano i migranti che se non fermano la progressione della "carovana" (il termine usato dai media americani per definire la folla di migranti) avrebbe sospeso gli aiuti americani.

"Devo, nei termini più severi, chiedere al Messico di fermare questo assalto", si può leggere in uno dei diversi Tweet riferiti alla questione, "e se non fosse in grado di farlo dispiegherò l'esercito americano e CHIUDERÒ IL NOSTRO CONFINE MERIDIONALE!". Il Messico ha cercato di fermare la fiumana di persone bloccando l'uscita di un ponte sul confine ma molti migranti sarebbero comunque riusciti a passare anche se non è chiaro se la "carovana" si sia riformata in Messico o meno.

È la seconda volta da quando Trump è presidente che si è formata una tale folla organizzata che, in barba a tutte le leggi, intende raggiungere gli Stati Uniti. La prima volta era successo quest'ultimo aprile e aveva creato una crisi al confine tra Messico e Stati Uniti e in seguito sulla politica di asilo degli USA, in quanto molti migranti fecero richiesta d'asilo in modo da poter entrare nel paese.

Su Internet si rincorrono teorie su chi stia dietro e finanzi queste operazioni. Ambienti mondialisti e immigrazionisti sono puntanti con il dito anche se con il problema dell'immigrazione in primo la situazione potrebbe, almeno nel breve termine, giocare a favore di Trump che, con le elezioni parlamentari dietro l'angolo, può ribadire come sia sempre necessaria la costruzione di un muro al confine con il Messico e rendere più restrittive le leggi d'immigrazione.

Guarda anche 

L'immigrazione è aumentata nel 2018 (nonostante l'entrata in vigore dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa)

Nel 2018, oltre 140'000 persone sono immigrate in Svizzera, l'1,7% in più rispetto all'anno precedente. Questo nonostante l'entrata in vigore della...
15.02.2019
Svizzera

Ungheria, Orban vara piano per la natalità: "Solo gli Ungheresi possono dare un futuro alla propria nazione, non gli immigrati"

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha presentato in questi giorni al parlamento di Budapest la propria strategia per favorire la natalità, f...
14.02.2019
Mondo

Tenevano i figli rinchiusi in una gabbia in condizioni orribili, arrestati

Lo scorso martedì, la polizia della contea di Wise, nel nord del Texas, è stata chiamata per un incidente domestico in una casa descritta come una specie di...
14.02.2019
Mondo

Immigrazione clandestina, tesseramenti fittizi e plusvalenze insensate: scoppia il caos nel calcio

LA SPEZIA (Italia) – Non si sa a cosa potrà portare, non si sa se potrebbe sollevare un gran polverone oppure gettare nel caos più totale il mondo del...
12.02.2019
Sport