Mondo, 12 ottobre 2018

Centinaia di tribunali della Sharia e 423 moschee: Londra più islamica di molti paesi musulmani

foto voiceofeurope.com
"Londra è più islamica di molti paesi musulmani messi insieme" ha detto ai media sauditi Maulana Syed Raza Rizvi, predicatrice islamica a Londra.

Le chiese sono ancora più numerose delle moschee in Gran Bretagna, ma ci sono molte moschee che stanno diventando sovraffollate. Cinque anni fa il Daily Mail pubblicava foto di chiese e moschee a Londra. La differenza era evidente.

La chiesa St. Mary di Londra aveva solo 12 persone che partecipavano alla messa, mentre vicino alla moschea di Brune Street Estate c'erano oltre 100 musulmani, con la struttura a piena capacità.

Dal 2001, 500 chiese di Londra di tutte le denominazioni sono state trasformate in abitazioni private. Allo stesso tempo, nuove moschee stavano spuntando in tutta Londra. Solo dal 2012 al 2014 il numero di residenti in Gran Bretagna che si professano musulmani è cresciuto di oltre un milione di unità.

I cristiani credenti stanno diminuendo a un ritmo tale che entro una generazione, sempre stando al Daily Mail, il loro numero sarà tre volte inferiore a quello dei musulmani che si recano regolarmente in una moschea il venerdì.

In Gran Bretagna si stima che entro il 2020, i musulmani che si recano regolarmente in una moschea saranno più numerosi dei cristiani che vanno in chiesa.

Oltre alle moschee, la notevole presenza islamica a Londra si traduce con l'esistenza dei cosiddetti tribunali della Sharia. Ufficialmente sono oltre 100 i tribunali islamici nella sola capitale britannica, giustizia che opera in parallelo (o in sua vece?) a quella civile. Nulla di nascosto o illegale, per i tribunali della Sharia è completamente legale operare in Gran Bretagna grazie a una legge denonimata "British Arbitration Act".

Guarda anche 

"Vedere la prima testa mozzata non mi ha affato colpita", jihadista "britannica" non si pente di essersi unita all'ISIS (ma vuole comunque tornare)

Shamima Begum (nella foto), partita nel 2015 dal Regno Unito per unirsi al gruppo jihadista ISIS in Siria, ha detto che vuole tornare nel Regno Unito nonostante la sua ma...
15.02.2019
Mondo

"Contro un Ticinistan", la proposta di Ghiringhelli di vietare le preghiere in pubblico fa discutere Oltralpe

La proposta di Giorgio Ghiringhelli, attualmente al vaglio in Gran Consiglio, di vietare le preghiere in pubblico sta facendo discutere nel resto della Svizzera. Diverse ...
14.02.2019
Svizzera

Partita quattro anni fa dalla Svizzera per unirsi all'ISIS, ora chiede di poter ritornare

Partita quattro anni fa da Losanna per unirsi all'ISIS in Siria, una residente del canton Vaud, attualmente detenuta in un campo di internamento curdo in Siria, vuole...
12.02.2019
Svizzera

Arabia Saudita, bimbo di 6 anni decapitato davanti alla mamma perché sciita

Decapitato a soli 6 anni davanti alla propria mamma solo per essere di confessione sciita e non sunnita. Lo riporta il sito inglese “mirror.co.uk”, secondo...
11.02.2019
Mondo