Sport, 07 ottobre 2018

Un weekend nero e 0 punti: dov’è il Lugano?

Sopraffatti dal Langnau, battuti dal Ginevra i bianconeri hanno incamerato due sconfitte mostrando lacune oggettive non solo nel gioco, ma anche nel carattere

LUGANO – Giudicare un weekend come quello appena vissuto dal Lugano risulta complicato (per i buonisti) e assolutamente facile (per i critici). Ovviamente la verità sta in mezzo, anche se a guardare bene questa volta la bilancia pende in favore dei secondi.

Sì perché i bianconeri nei 120’ giocati con Langnau e Ginevra hanno mostrato molto poco in positivo e veramente tanto in negativo. Venerdì Chiesa e compagni in pratica non sono neanche scesi in pista, visto che il tabellino finale recitava 10 tiri in porta. E non solo per il perfetto atteggiamento difensivo dei Tigers, ma soprattutto per la poca attitudine, la scarsa vena e la troppa supponenza dei sottocenerini che hanno affrontato il match con la testa di chi si sente superiore in partenza.

La scoppola evidentemente non è stata recepita a dovere visto che a Ginevra i ragazzi di Ireland non è che abbiano fatto figura migliore. Certo i tiri verso l’ex Ambrì Descloux sono stati molti di più, ma quasi sempre da posizione defilata. Anche in questo caso bisogna dare adito a una difesa, quella delle Aquile, abile ad allargare sempre il gioco bianconero, ma tutto il Lugano ha deluso. Il migliore in pista, infatti, è stato il debuttante in LNA Müller, schierato al posto di Merzlikins, nonostante sia stato superato al primo tiro subìto (da Rod), dal tocco ravvicinato di Almond e sia stato protagonista di un grossolano errore nel secondo tempo che poteva costare lo 0-3.

Se Fazzini ai nostri microfoni aveva detto che scendere subito in pista a Les Vernets, dopo la pessima figura rimediata alla Cornèr Arena, sarebbe stata una cosa positiva… il ghiaccio evidentemente ha detto altro. Quindi ben vengano i due giorni disponibili per riflettere prima di affrontare la sfida europea contro l’JYP – in realtà il cammino in Champions Hockey League dei ticinesi sembrerebbe ormai segnato – soprattutto in vista del delicato fine settimana che metterà Cunti e compagni di fronte al Friborgo e al Rapperswil. Con un atteggiamento e un’attitudine, si spera, ben diversi, dovendo fare i conti con le assenze di Reuille, Klasen alle quali si è aggiunta anche quella di Bertaggia.

Guarda anche 

Vicky Mantegazza ci mette la faccia: “Tifosi scusate, ma ci vuole pazienza”

LUGANO – Non è un momento facile per l’HC Lugano, reduce non solo da 5 sconfitte consecutive, ma anche da una serie di prestazioni in calo. L’hoc...
18.11.2019
Sport

Renzetti a tutto gas: a 177 km/h e patente a rischio

LUGANO – Il piede un po’ pesante in autostrada, qualche chilometro orario in più sul tachimetro e la luce del radar che compare all’improvviso in...
17.11.2019
Sport

Riva: "Un giorno mi piacerebbe approdare nella mitica NHL"

LUGANO - Elia Riva è senza ombra di dubbio uno dei giovani più interessanti del panorama hockeistico nazionale. Nato a Claro il 3 gennaio 1998, ha iniz...
18.11.2019
Sport

Ecoattivisti bloccano un terminal dell'aeroporto di Ginevra

Circa un centinaio di attivisti ambientalisti appartenenti al collettivo "Extinction Rebellion" hanno bloccato sabato l'accesso al terminal dei jet privati ...
17.11.2019
Svizzera