Ticino, 23 settembre 2018

Sonora legnata alla Scuola che verrà. La LEGA: "Bocciata la riforma ideologica socialista!"

Il popolo ticinese ha bocciato sonoramente la "Scuola che verrà" sostenuta da PS, PPD e PLR. La Lega dei Ticinesi accoglie con grande soddisfazione la decisione popolare.

La Lega dei Ticinesi prende atto con grande soddisfazione del voto popolare contrario alla sperimentazione della “Scuola che verrà“. Il voto odierno dimostra che i cittadini ticinesi hanno capito che approvare la sperimentazione avrebbe significato approvare la riforma tout-court, e che un’approvazione della riforma avrebbe comportato pesanti conseguenze per i giovani, per la società, per il mercato del lavoro del nostro Cantone, e anche per le tasche del contribuente. E questo almeno per i prossimi 40 anni.

I cittadini ticinesi hanno deciso di non volere una riforma ideologica socialista, che avrebbe portato ad un livellamento verso il basso delle competenze degli scolari, mettendone a rischio il futuro scolastico e professionale, in un mercato del lavoro reso sempre più proibitivo dalla libera circolazione delle persone.

I cittadini ticinesi hanno detto No ad un progetto che si sarebbe trasformato in un gigantesco piano occupazionale per docenti frontalieri, del costo di 35milioni di Fr all’anno.

I votanti hanno quindi scelto di non avviare la scuola ticinese e la società tutta su una strada sbagliata e vistosamente antisvizzera.

La scuola ticinese deve garantire le pari opportunità agli allievi e non certo la parità di arrivo. Deve invece essere giustamente selettiva, affinché i giovani, una volta finita la scuola dell’obbligo, dispongano degli strumenti necessari ad affrontare il “mondo esterno”.

Dicendo no ad una riforma sbagliata, non condivisa ed ideologica, i cittadini non hanno detto no a qualsiasi riforma. Si attende  dunque un nuovo progetto che sia condiviso a livello di società, rispettoso della professionalità dei docenti, e che miri ad elevare il livello della scuola ticinese invece di trasformarla in un servizio sociale.

Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

Forse si sente male ed esce di strada. Ma riesce a liberarsi da sola dalla vettura, ha solo ferite leggere

La Polizia cantonale comunica che oggi poco dopo le 12 in territorio di Verdasio una 60enne cittadina svizzera residente in Italia stava circolando alla guida di un'a...
15.02.2019
Ticino

Fermato il presunto rapinatore di Caslano, è un 45enne italiano domiciliato nel Locarnese

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che il 12.02.2019 è stato arrestato un 45enne cittadino italiano domiciliato nel Locarnese. L'uomo &...
15.02.2019
Ticino

Vietato foraggiare gli animali selvatici! È nocivo e li mette in contatto coi pericoli dei centri abitati

Durante l’inverno gli animali selvatici adottano strategie particolari per sopravvivere. Per evitare di disperdere troppa energia si trasferiscono nelle zone di sve...
15.02.2019
Ticino

Val Colla, la polemica di una negoziante: "Mi avete boicottato". Ma le associazioni negano: "Faccia il mea culpa"

MAGLIO DI COLLA – L’iniziativa di una donna, che ha voluto ad ogni costo aprire un negozio di alimentari (e non solo) in Valcolla, perché convinta che ...
15.02.2019
Ticino