Sport, 10 settembre 2018

I detrattori di Petkovic zittiti: Islanda umiliata

Parte bene il nuovo corso rossocrociato in Nations League

LUGANO - E ora, caro "Blick", cosa scriverai dopo questa roboante e magnifica vittoria rossocrociata nella prima partita della neonata Nations League? Scriverai ancora che Petkovic è un allenatore bollito e che la Nati è da rifondare? O chiamerai ancora incausa ex giocatori o allenatori di basso cabotaggio per “sparare” a zero sul commissario tecnico della selezione elvetica?

Ma non solo: coloro che hanno mandato in soffitta il buon Vlado (vero, Valon Behrami?) per via di scelte “dolorose” che potevano starci, rivedranno il loro giudizio? Non sappiamo e non vogliamo saperlo. Ciò che interessa è l’atteggiamento messo in campo sabato a San Gallo dalla Svizzera e che ha provocato un autentico botto: Islanda umiliata, 6-0 e buona notte allasquadra di Hamren, che ai recenti mondiali era riuscita nell’intento di fermare l’Argentina di un certo Leo Messi. 

È vero: siamo solo agli inizi, ma i segnali di una ripresa ci sono tutti. Petkovic del resto l’aveva detto: “Lasciamoci tutto alle spalle, le polemiche durante e dopo il Mondiale vanno archiviate. Il nuovo progetto riparte con entusiasmo e grande voglia di far bene”. 

E così è stato, ad immagine dell’esordiente difensore destro Kevin Mbabu, autentica scoperta dello Young Boys, degli altri giovani Akanji e Zakaria, per altro già collaudati, del pure debuttante Ajeti (autore di un gol!) e di un Seferovic ritrovato (e a cui sono state annullate due reti dopo che aveva siglato il 4-0). Insomma: Nazionale sugli scudi e Vlado che dà uno schiaffo morale a chi lo aveva frettolosamente liquidato.

Esame dunque superato per la giovane formazione svizzera (il più vecchio è Sommer con 29 anni) con Mbabu, come detto prima, e Zakaria che non hanno fatto rimpiangere Lichsteiner e Behrami (osannato dal pubblico). Questo successo non deve però illudere, visto che l’attuale Islanda, è molto cambiata rispetto alla recente rassegna iridata, e sabato è stata davvero poca cosa. E sicuramente non è al livello del nostro prossimo avversario, ovvero il Belgio, una delle squadre più forti al mondo e che sta attraversando un periodo di grande splendore.

Certo l’aver siglato un clamoroso 6-0 fa bene al morale e sistema la differenza-reti. Bene. La Nazionale c’è, è tornata quella che tutti vogliono: grintosa, aggressiva, tatticamente autoritaria e finalmente concreta. Con buona pace del Blick...

A.L.

Guarda anche 

La polizia svizzera chiede sempre più informazioni a Google

L'anno scorso l'Ufficio federale di polizia (fedpol) e i Cantoni hanno chiesto a Google un numero record di informazioni sugli utenti dell'azienda californian...
12.07.2020
Svizzera

Pazzesco Bale: non gioca e si mette a dormire in panchina!

MADRID (Spagna) – Che sia di fatto un separato in casa lo si era capito da mesi, che il suo futuro non sarà più con la maglia del Real addosso anche, ...
12.07.2020
Sport

Paulo Henrique Andrioli: “A Lugano ho lasciato il cuore. Grecia? Passione e ossessione”

È un freddo mattino del 2 febbraio 1992. Stadio di Cornaredo, Lugano ha ripreso da alcuni giorni preparazione la seconda fase del massimo campionato &E...
12.07.2020
Sport

La Svizzera perde il mandato di segretario generale all'OCSE

Lo svizzero Thomas Greminger non sarà riconfermato nella posizione segretario generale dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE)....
11.07.2020
Svizzera