Mondo, 08 settembre 2018

Il governo socialista spagnolo in meno di 100 giorni rimette la Spagna sui binari della crisi economica

voiceofeurope

Il nuovo governo socialista spagnolo insediatosi il 7 giugno 2018 ci ha messo meno di 100 giorni per invertire la tendenza positiva dell'economia spagnola.

La crescita del PIL per il 2018, come riporta el mundo, è scesa dal 3% al 2,7%, la peggiore dal 2014 e questo in meno di tre mesi e durante l'estate, quando l'economia spagnola normalmente è al suo pieno grazie ad uno dei pilastri della sua economia, il turismo (nel 2017 la Spagna era ancora il secondo paese più visitato al mondo).

Anche la disoccupazione ha subito un balzo impressionante con 203'000 impieghi persi e 47'047 persone in più iscritte alla disoccupazione nel mese di agosto, il dato peggiore mai registrato dal 2011 quando il paese era ancora in piena crisi economica.

Anche le persone che percepiscono prestazioni assistenziali hanno raggiunto numeri mai visti da anni, 18,84 milioni in tutto, il numero più alto dal settembre del 2008, a testimonianza di una disuguaglianza sociale crescente, anche se, a onor del vero, quest'ultimo dato è in crescita sin dal 2013.

Per risollevare la situazione il governo di Pedro Sánchez (nella foto) sta considerando il più pesante aumento di imposte da quando Franco è morto e il paese ha riacquistato la sua democrazia.

Inoltre, la crisi catalana e le sue correnti indipendiste sono sempre presenti, con conseguenze dirette sull'economia della regione, in particolare il turismo, che hanno contribuito al rallentamento dell'economia, essendo la Catalonia una delle regioni più prospere della penisola iberica.

A questo quadro desolante bisogna poi tenere anche conto della crisi dei migranti che ha investito la Spagna quest'estate, essendo diventato il primo paese d'entrata dopo che l'Italia ha stretto le maglie dell'immigrazione, anche se l'impatto di questo fenomeno dev'essere ancora quantificato in termini economici.

Ma nonostante gli indicatori economici negativi, le disuguaglianze sociali in crescita, la crisi politica in Catalonia e un'immigrazione fuori controllo il governo Sanchez sembra più concentrato a riesumare il corpo di Franco della Valle de los Caídos dove è stato sepolto per 43 anni piuttosto che occuparsi dei problemi della Spagna.

Guarda anche 

La follia post lockdown: organizza una partita infetti contro sani!

PAMPLONA (Spagna) – Durante il lockdown, durante la punta più intensa della pandemia del COVID-19, un po’ tutti speravamo che da questa situazione ne s...
20.07.2020
Sport

Economia locale? La RSI promuove la spesa in Italia

Il Mattino lo aveva annunciato già due settimane fa. E lo ha ripetuto la scorsa domenica. Sabato sera (27 giugno) sono in effetti giunte le prime segnalazioni. Tra...
06.07.2020
Ticino

Anche Francia, Italia e Spagna sulla via del deconfinamento

Diversi paesi europei cominciano a loro volta questa settimana ad allentare le restrizioni imposte per contrastare la diffusione del Coronavirus e seguono così il ...
04.05.2020
Mondo

"Successo" per i prestiti alle aziende, "abusi meno dell'1% del totale"

Il programma di prestiti messo in atto dal Consiglio federale per mitigare gli effetti economici del Coronavirus è "coronato dal successo", sostiene il C...
23.04.2020
Svizzera