Mondo, 17 agosto 2018

Donna musulmana rinviata dal colloquio di lavoro perchè rifiuta di dare la mano, il datore deve risarcirla

Una donna musulmana di 24 anni residente a Uppsala, in Svezia, si è rifiutata di dare la mano al titolare di una ditta che l'aveva chiamata per un colloquio. Immediata la reazione dell'uomo, che ha subito interrotto il colloquio e l'ha rimandata a casa. 

La donna però si è sentita discriminata e si è rivolta al tribunale, che le ha dato ragione. Il tribunale del lavoro ha infatti emesso una sentenza, con la quale ha giudicato la decisione dell'azienda come discriminatoria. Per questo la ditta è stata condannata a pagare alla donna un risarcimento di 40mila corone, pari a circa 4mila franchi.  

(Fonte: ilgiornale.it)

Guarda anche 

Musulmana radicalizzata, potrà essere espulsa dalla Svizzera anche se ha il passaporto francese

Il Tribunale amministrativo federale ha respinto il ricorso di una giovane donna musulmana in possesso del passaporto francese espulsa dalla Svizzera nella primavera del ...
19.04.2019
Svizzera

Clima, adesso in Svezia arriva la "vergogna di volare"

In fuga dall'interminabile inverno dell'Europa del nord, gli svedesi sono da tempo grandi viaggiatori. Negli ultimi tempi tuttatavia, complice la mediatizzazione ...
11.04.2019
Mondo

Almeno 13 jihadisti hanno fatto ritorno in Svizzera dal Medio Oriente

Almeno 13 jihadisti hanno fatto ritorno in Svizzera dopo aver militato per lo Stato Islamico (ISIS), perlopiù in Siria o Iraq. Lo rivela il Ministero pubblico dell...
11.04.2019
Svizzera

I milioni del Qatar inondano i centri islamici in Svizzera (di cui uno a Lugano)

Emirato del Qatar finanzia diversi centri islamici in Svizzera, più precisamente a Prilly (canton Vaud), La Chaux-De-Fonds (NE), Bienne (BE) e a Lugano. È...
04.04.2019
Svizzera