Mondo, 17 agosto 2018

Donna musulmana rinviata dal colloquio di lavoro perchè rifiuta di dare la mano, il datore deve risarcirla

Una donna musulmana di 24 anni residente a Uppsala, in Svezia, si è rifiutata di dare la mano al titolare di una ditta che l'aveva chiamata per un colloquio. Immediata la reazione dell'uomo, che ha subito interrotto il colloquio e l'ha rimandata a casa. 

La donna però si è sentita discriminata e si è rivolta
al tribunale, che le ha dato ragione. Il tribunale del lavoro ha infatti emesso una sentenza, con la quale ha giudicato la decisione dell'azienda come discriminatoria. Per questo la ditta è stata condannata a pagare alla donna un risarcimento di 40mila corone, pari a circa 4mila franchi.  

(Fonte: ilgiornale.it)

Guarda anche 

L’ex imam della moschea di Winterthur ordina omicidi dal carcere

Azad M., l’ex imam della moschea An’Nur di Winterthur, è stato scoperto mentre dal carcere ordinava degli omicidi.   A svelarlo è il Tage...
09.04.2021
Svizzera

Un premio contro l’islamizzazione della Svizzera

*Comunicato "Il Guastafeste" E’ partita in questi giorni l’organizzazione della quarta edizione del premio nazionale denominato “Swiss Stop...
22.03.2021
Svizzera

Convertita all'Islam, ha lasciato la Svizzera perchè non può più portare il burqa

È nata e cresciuta a Lucerna. Ma non intende mettere mai più piede in Svizzera. Umm Rufayda, al secolo Valentina Weiss, è una cittadina elvetica spos...
09.03.2021
Svizzera

Estremismo islamico, quasi 50 persone in Svizzera rappresentano una minaccia per la sicurezza

Sono 49 le persone che in Svizzera "rappresentano una minaccia particolare per la sicurezza interna ed esterna", secondo i servizi d'informazione della C...
30.01.2021
Svizzera