Mondo, 17 agosto 2018

Donna musulmana rinviata dal colloquio di lavoro perchè rifiuta di dare la mano, il datore deve risarcirla

Una donna musulmana di 24 anni residente a Uppsala, in Svezia, si è rifiutata di dare la mano al titolare di una ditta che l'aveva chiamata per un colloquio. Immediata la reazione dell'uomo, che ha subito interrotto il colloquio e l'ha rimandata a casa. 

La donna però si è sentita discriminata e si è rivolta al tribunale, che le ha dato ragione. Il tribunale del lavoro ha infatti emesso una sentenza, con la quale ha giudicato la decisione dell'azienda come discriminatoria. Per questo la ditta è stata condannata a pagare alla donna un risarcimento di 40mila corone, pari a circa 4mila franchi.  

(Fonte: ilgiornale.it)

Guarda anche 

Confermato carcere e espulsione per un imam di Wintherthur

Il Tribunale federale ha respinto l'appello di un imam somalo della moschea An'Nur di Winterthur (ZH). L'uomo era stato condannato per  per istigazione a...
19.07.2019
Svizzera

Svezia ormai troppo pericolosa e la Volvo pensa di andarsene, "non riusciamo a attirare manodopera straniera"

L'amministratore delegato di Volvo avverte che la società sta pensando di trasferire il suo quartier generale fuori dalla Svezia in futuro, in parte a causa di...
15.07.2019
Mondo

“Vade retro Islam!”, l'intervista di Giorgio Ghiringhelli a un esperto di Islam

Il fondatore del movimento "Il Guastafeste" Giorgio Ghiringhelli ha pubblicato, sul sito del movimento, un'intervista da lui condotta all'esperto di isl...
11.07.2019
Ticino

La Francia condannata a risarcire uno degli attentatori della strage di Parigi

Il governo francese è stato condannato a pagare una multa di 500 euro a Salah Abdeslam (nella foto), unico membro rimasto in vita del commando islamico che il...
09.07.2019
Mondo