Svizzera, 16 agosto 2018

Quadri: "Abolire la Commissione federale contro il razzismo"

Si tratta un gremio inutile che serve a fare politica di parte, nonché propaganda di regime. E sul razzismo (e sull’antisemitismo, e sul sessismo,…) d’importazione “glissa”. Verrà presentata una mozione a Berna

Proseguono – sempre dalla solita parte - i blabla strumentali sulla promozione dell’agente di polizia autore di post razzisti su faccialibro (facebook). Post per i quali il poliziotto è stato condannato ed ha scontato la sanzione inflittagli.
Anche l’inutile Commissione federale contro il razzismo ha pensato bene di dare il proprio contributo nel montare la panna. Con un obiettivo evidente: fare politica partitica.
Nel caso concreto, si tratta di sostenere i compagni di merende dell’élite spalancatrice di frontiere nella loro campagna elettorale contro l’odiata Lega. Aprile si avvicina ed il direttore del Dipartimento delle istituzioni è un  leghista. Poco ma sicuro che, se fosse stato un liblab, da parte dei radikosocialisti si assisterebbe al consueto silenzio sepolcrale.
Di conseguenza, la prossima mozione che presenterò a Berna chiederà l’abolizione della Commissione federale contro il razzismo.

Questo perché:

 • E’ una commissione che serve a fare politica di partito, specie all’avvicinarsi delle elezioni.

 • E’ una commissione che serve ad inventarsi i non problemi: perché sostenere che alle nostre latitudini esista un problema di razzismo dei cittadini elvetici, è una balla solenne. In Svizzera un quarto della popolazione è straniera. In Ticino un terzo. Senza contare le naturalizzazioni di  massa con cui si taroccano le statistiche. E con queste cifre si ha ancora il coraggio di blaterare accuse di razzismo all’indirizzo degli svizzeri?

 • A portare razzismo dalle nostre parti sono semmai gli immigrati in arrivo da “altre culture” che sono razzisti, antisemiti, sessisti, eccetera. Se c’è un problema reale di razzismo in Svizzera (e non solo in Svizzera, ma anche in Europa in generale), questo problema è d’importazione.  E’ l’ennesima conseguenza negativa dell’immigrazione scriteriata. Tra i cui promotori si conta proprio, ma guarda un po’, anche la Commissione federale contro il razzismo.

 • Ed infatti sul razzismo d’importazione la Commissione contro il razzismo “sorvola”. Chiaro: la sua missione è accusare gli svizzeri di razzismo, mica combattere il razzismo. Sono due cose ben diverse.

 • La Commissione in questione è pure riuscita a condannare l’iniziativa ticinese per il divieto di burqa. Quindi essa regge la coda agli islamisti e promuove la sottomissione della donna.

 • La Commissione contro il razzismo non ha fatto un cip, ad esempio, sul docente di scuola media che paragonato il voto sulla civica al nazismo. Evidentemente su quel tema gli amichetti radikosocialisti non hanno provveduto all’imbeccata. Eh già: il docente è di sinistra, per cui…
Di conseguenza, una commissione del genere va eliminata perché serve solo a scopi di politica di parte, nonché a fare propaganda di regime. Chiudendo l’ennesimo gremio federale inutile, oltretutto, si risparmia.

Lorenzo Quadri

Guarda anche 

"Sanzioni alla Russia, quali conseguenze per la Svizzera?"

Il Consiglio federale ha tenuto conto delle conseguenze per la Svizzera della ripresa delle sanzioni UE contro la Russia? È la domanda che il Consigliere nazionale...
11.05.2022
Svizzera

Decreto di risanamento: votiamo Sì, o le tasse aumenteranno

I contrari al Decreto di risanamento dei conti cantonali in votazione il 15 maggio hanno fatto proprio il detto popolare: “In temp da guera, püsee ball che ter...
10.05.2022
Ticino

Il Parlamento dei rifugiati accusa la Svizzera di razzismo, "discriminati rispetto agli ucraini"

Da metà febbraio circa 45'000 ucraini hanno ottenuto il permesso "S". Con questo permesso, gli ucraini possono vivere in Svizzera per almeno un anno,...
10.05.2022
Svizzera

Allestisce una bancarella per vendere "teste di moro", viene denunciato per razzismo

Qualcuno si ricorderà della polemica scoppiata nell'estate del 2020 quando la Migros decise di ritirare dai suoi scaffali le cosidette "teste di moro&q...
14.04.2022
Svizzera