Mondo, 15 agosto 2018

Genova: da Benetton nemmeno un pensiero per le vittime, "pensassero di più alla manuntenzione e meno alla propaganda multietnica"

La multinazionale Benetton, conosciuta più per i suoi vestiti e per le sue campagne pubblicitarie a favore del multiculturalismo (come quella nella foto sopra), è fra le altre cose anche proprietaria del viadotto crollato ieri a Genova. E stando al portale italiano Dagospia, nel primo comunicato stampa dopo la tragedia avrebbe scaricato la responsabilità dell'accaduto sull'età della struttura senza nemmeno dedicare una riga alle vittime o fare accenno alle operazioni di salvataggio.

Le scarne giustificazioni della società comprensibilmente non hanno smorzato le polemiche e la caccia ai responsabili. Oltre a chi accusa questo politico o quel precedente governo di aver ignorato la problematica delle infrastrutture fatiscenti italiane o di non aver dato seguito a interrogazioni parlamentari sullo stato decadente della struttura in questione sui social media si può notare come molti utenti accusino il "liberismo selvaggio", ossia le privatizzazioni di servizi e infrastrutture come appunto le autostrade, e chiedono un maggiore intervento dello stato per evitare nuove tragedie simili.







Ma anche Benetton stessa è stata presa di mira, con diversi utenti che la accusano di aver tralasciato la manuntenzione e la sicurezza delle strutture di sua proprietà per concentrarsi su altri settori, come il suo marchio di vestiti e le celebri campagne pubblicitarie già menzionate.



Guarda anche 

Milano, accoltella un militare alla stazione Centrale urlando "Allah akbar!"

Nella mattinata di oggi, martedì, un cittadino dello Yemen ha aggredito alle spalle un militare davanti alla stazione centrale di Milano, pugnalando...
17.09.2019
Mondo

Espulso dall'Italia da uomo, rientra come donna dopo aver cambiato sesso

Era stato espulso dall'Italia come uomo ma, una volta tornato nel suo paese d'origine, il Brasile, ha cambiato sesso ed è tornato(/a) nel Belpaese clandest...
17.09.2019
Mondo

Attrice italiana si opponeva al decreto sicurezza di Salvini, viene presa a pugni da un marocchino clandestino

Gloria Cuminetti, attrice italiana di 30 anni, è stata aggredita domenica da un 34enne marocchino clandestino. Come riferisce “il fatto quotidiano”, &l...
16.09.2019
Mondo

Gran Bretagna e Italia: con l’UE “relazioni pericolose”

Praticamente costituito, seppur con non poche difficoltà, il suo organo esecutivo, l’UE sta affrontando in questi giorni la tortuosa Brexit del Regno Unit...
16.09.2019
Mondo