Sport, 05 agosto 2018

Lugano, la strada è ancora lunga ma c’è da lavorare…

I bianconeri anche contro il Lucerna hanno dimostrato ancora una volta lacune, difficoltà e alcuni segnali poco incoraggianti

LUCERNA – Forse dopo la vittoria ottenuta a Sion in tanti si erano illusi, in tanti avevano pensato a un campionato un po’ più semplice per il Lugano, ma la realtà dice altro. È chiaro, siamo ancora alla terza giornata di campionato, spesso i bianconeri sono partiti un po’ col freno a mano tirato, ma non sono tanto i risultati a parlare, ma quanto il gioco e l’attitudine messa in campo dai ragazzi di Abascal a preoccupare.

“Continuiamo a sbagliare, commettiamo errori. Non sfruttiamo le occasione e queste cose le paghi”, ha spiegato ieri proprio il tecnico del Lugano. E come dargli torto? Ancora una volta Baumann ha macchiato una buona prestazione, fatta anche di interventi importanti, con un errore marchiano che ha favorito il provvisorio 3-1 di Schürpf. L’attaccante del Lucerna in precedenza aveva realizzato il rigore del 2-1, mentre pochi istanti prima uno Junior irriconoscibile aveva sciupato dagli 11 metri la possibilità del vantaggio.

Se a questo sommiamo l’apatia totale di Gerndt (lo
svedese sembra in versione “Chi lo ha visto?”) e la condizione certamente non straripante di Janko… è facile capire che in fase offensiva il Lugano soffre perché gli manca anche un solo stoccatore. In difesa, oltre al problema portiere che sembra una cosa cronica, i ticinesi devono fare i conti con l’infortunio di Sulmoni e la probabile partenza di Golemic (stando ai colleghi della RSI, il 27enne sarebbe entrato nei radar del Crotone): il tempo passa, c’è da lavorare, ma in questo momento il futuro prossimo non sembra sgombro da nuvole…

Ovviamente qualcosa di positivo da cui ripartire c’è e a tale proposito vengono ancora in mente le prestazioni di Edoardo Masciangelo e di Assan Ceesay: il laterale italiano, giunto a Cornaredo durante quest’estate, dopo un primo tempo un po’ titubante ha dato prova di brio e inventiva (oltre che di qualità), mentre l’attaccante gambiano, nonostante i suoi difetti da limare, si è sempre rivelato un pericolo costante per la retroguardia lucernese.

Guarda anche 

Lugano, eccoti la pausa più dolce possibile

LUGANO – YB 35 punti. Servette, secondo, 25. La classifica di Super League, per quanto concerne la lotta per il titolo, sembra bella che impacchettata: andare a pre...
14.11.2022
Sport

Prima di Steffen ci fu Vivas: ma sono già passati 24 anni

LUGANO - Prima di Renato Steffen, chiamato da Murat Yakin per gli imminenti Mondiali del Qatar, chi è stato l’ultimo bianconero ad essere convocato per ...
14.11.2022
Sport

Ribattere il Winterthur e poi tutti in pausa felici

LUGANO - Pausa: Il campionato del Lugano - e delle altre 9 compagini di Super League - termina oggi. Alle 16.30 a Cornaredo si rivede il Winterthur, già ...
13.11.2022
Sport

Nel segno di Mattia: Bottani regala il Sion ai campioni in carica

LUGANO – Doveva esserci il tutto esaurito a Cornaredo. Doveva esserci il pienone che la Coppa Svizzera vinta a maggio meritava. A Cornaredo ieri sera doveva esserci...
10.11.2022
Sport