Sport, 05 agosto 2018

Lugano, la strada è ancora lunga ma c’è da lavorare…

I bianconeri anche contro il Lucerna hanno dimostrato ancora una volta lacune, difficoltà e alcuni segnali poco incoraggianti

LUCERNA – Forse dopo la vittoria ottenuta a Sion in tanti si erano illusi, in tanti avevano pensato a un campionato un po’ più semplice per il Lugano, ma la realtà dice altro. È chiaro, siamo ancora alla terza giornata di campionato, spesso i bianconeri sono partiti un po’ col freno a mano tirato, ma non sono tanto i risultati a parlare, ma quanto il gioco e l’attitudine messa in campo dai ragazzi di Abascal a preoccupare.

“Continuiamo a sbagliare, commettiamo errori. Non sfruttiamo le occasione e queste cose le paghi”, ha spiegato ieri proprio il tecnico del Lugano. E come dargli torto? Ancora una volta Baumann ha macchiato una buona prestazione, fatta anche di interventi importanti, con un errore marchiano che ha favorito il provvisorio 3-1 di Schürpf. L’attaccante del Lucerna in precedenza aveva realizzato il rigore del 2-1, mentre pochi istanti prima uno Junior irriconoscibile aveva sciupato dagli 11 metri la possibilità del vantaggio.

Se a questo sommiamo l’apatia totale di Gerndt (lo
svedese sembra in versione “Chi lo ha visto?”) e la condizione certamente non straripante di Janko… è facile capire che in fase offensiva il Lugano soffre perché gli manca anche un solo stoccatore. In difesa, oltre al problema portiere che sembra una cosa cronica, i ticinesi devono fare i conti con l’infortunio di Sulmoni e la probabile partenza di Golemic (stando ai colleghi della RSI, il 27enne sarebbe entrato nei radar del Crotone): il tempo passa, c’è da lavorare, ma in questo momento il futuro prossimo non sembra sgombro da nuvole…

Ovviamente qualcosa di positivo da cui ripartire c’è e a tale proposito vengono ancora in mente le prestazioni di Edoardo Masciangelo e di Assan Ceesay: il laterale italiano, giunto a Cornaredo durante quest’estate, dopo un primo tempo un po’ titubante ha dato prova di brio e inventiva (oltre che di qualità), mentre l’attaccante gambiano, nonostante i suoi difetti da limare, si è sempre rivelato un pericolo costante per la retroguardia lucernese.

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

C’è il marchio finlandese sulla storia del Lugano

LUGANO - Con l’arrivo di Mikko Koskinen, Oliwer Kaski e Markus Granlund si allunga la lista di giocatori finlandesi ingaggiati dal Lugano. ...
26.07.2022
Sport