Ticino, 16 luglio 2018

Zali scrive a Berna: "Nessuna nuova trattativa con l'UE"

Negli scorsi giorni il Presidente del Governo ticinese ha scritto al Consiglio federale per invitarlo a non mettere sul tavolo nuove concessioni nelle trattative con l’Unione europea

Destano infatti forti preoccupazioni le ipotese seconda lo quali Berna intende fare nuove concessioni all’Unione europea sul fronte delle misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone.
Zali ha voluto sottolineare come tali misure sono uno degli elementi indispensabili dell’attuale impostazione della politica svizzera-europa, poiché contribuiscono a gestire gli effetti negativi della libera circolazione dei lavoratori, che tocca in maniera particolare il Ticino.
Il Cantone ha infatti più volte chiesto di rafforzare questi provvedimenti, non certamente di fare nuove concessioni, e questo nell’interesse del nostro mercato del lavoro.

Guarda anche 

Il momento della verità per Ursula von der Leyen

Per succedere al lussemburghese Jean-Claude Juncker, Ursula von der Leyen, vicino alla cancelliera tedesca Angela Merkel, dovrà ottenere la maggioranza assoluta ne...
15.07.2019
Mondo

Si butta nel fiume per sfuggire alla polizia

Un uomo sospettato di aver rapinato sabato un negozio di elettronica a Bremgarten, nel canton Argovia, è saltato nel fiume Reuss con il suo bottino per sfuggire al...
15.07.2019
Svizzera

Richiedente l'asilo minorenne colpisce la sua insegnante rompendogli la mascella, dopo due giorni di carcere di nuovo libero

Un richiedente l'asilo siriano di 14 anni, residente nel comune argoviese di Möriken-Wildegg, ha aggredito la sua insegnante perchè questo voleva controll...
15.07.2019
Svizzera

Cambiamenti climatici, quell'anno in cui l'estate in Svizzera non arrivò

Siamo nell'aprile del 1815, dall'altra parte del mondo, e più precisamente sull'isola indonesiana di Sumbawa. Il vulcano Tambora erutta. A metà ...
12.07.2019
Svizzera