Ticino, 16 luglio 2018

Zali scrive a Berna: "Nessuna nuova trattativa con l'UE"

Negli scorsi giorni il Presidente del Governo ticinese ha scritto al Consiglio federale per invitarlo a non mettere sul tavolo nuove concessioni nelle trattative con l’Unione europea

Destano infatti forti preoccupazioni le ipotese seconda lo quali Berna intende fare nuove concessioni all’Unione europea sul fronte delle misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone.
Zali ha voluto sottolineare come tali misure sono uno degli elementi indispensabili dell’attuale impostazione della politica svizzera-europa, poiché contribuiscono a gestire gli effetti negativi della libera circolazione dei lavoratori, che tocca in maniera particolare il Ticino.
Il Cantone ha infatti più volte chiesto di rafforzare questi provvedimenti, non certamente di fare nuove concessioni, e questo nell’interesse del nostro mercato del lavoro.

Guarda anche 

L'ONU critica la Svizzera per la legge anti-terrorismo, "va contro i diritti umani"

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani critica la proposta di legge antiterrorismo del Consiglio federale. In una lettera al governo, mette in gua...
31.05.2020
Svizzera

Tra scontri e contraddizioni, l'UE è sempre più divisa

Questa volta il compito della Commissione europea rasenta i limiti dell’impossibile. La missione di Ursula von der Leyen è tanto ostica quanto comp...
28.05.2020
Mondo

"L'Italia convoca l'ambasciatrice svizzera per i confini chiusi. E noi?"

Le limitazioni al confine tra la Svizzera e l'Italia per i controlli degli spostamenti tra i due paesi saranno al centro di un incontro tra l'ambasciatrice della ...
05.05.2020
Svizzera

Per il New York Times l'UE ha annacquato le responsabilità della Cina nella diffusione del Coronavirus

La Cina ha messo in moto la propria macchina diplomatica per liberarsi dalle responsabilità del coronavirus. Lo sostiene il New York Times che ...
28.04.2020
Mondo