Ticino, 16 luglio 2018

Zali scrive a Berna: "Nessuna nuova trattativa con l'UE"

Negli scorsi giorni il Presidente del Governo ticinese ha scritto al Consiglio federale per invitarlo a non mettere sul tavolo nuove concessioni nelle trattative con l’Unione europea

Destano infatti forti preoccupazioni le ipotese seconda lo quali Berna intende fare nuove concessioni all’Unione europea sul fronte delle misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone.
Zali ha voluto sottolineare come tali misure sono uno degli elementi indispensabili dell’attuale impostazione della politica svizzera-europa, poiché contribuiscono a gestire gli effetti negativi della libera circolazione dei lavoratori, che tocca in maniera particolare il Ticino.
Il Cantone ha infatti più volte chiesto di rafforzare questi provvedimenti, non certamente di fare nuove concessioni, e questo nell’interesse del nostro mercato del lavoro.

Guarda anche 

Un'aggressione sessuale al festival jazz gli vale il carcere e l'espulsione

Un cittadino albanese dovrà scontare quattro anni di carcere e verrà in seguito espulso per otto anni dalla Svizzera per aggredito sessualmente una donna du...
22.05.2019
Svizzera

Il misterioso suicidio di un'alta funzionaria UE

“Laura Pignataro s’è suicidata il 17 dicembre. Questa alta funzionaria del servizio giuridico della  Commissione Europea (nella foto) era stata co...
21.05.2019
Mondo

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera